Categorie
Anno 2018 Eventi

Le piante tintorie per la prima volta sul palcoscenico di On Hair

Michele Rinaldi, parrucchiere da oltre 20 anni, ha portato a Bologna la sua storia e le sue colorazioni totalmente a base vegetale.


Tutto è cominciato con un’allergìa alla parafenilendiammina, un colorante utilizzato nelle tinture per capelli. Michele Rinaldi, parrucchiere che ama il suo lavoro fin da quando era bambino e ammirava le creazioni del padre, ha deciso di intraprendere una ricerca che lo ha portato a realizzare con i suoi collaboratori un nuovo metodo di colorazione vegetale esclusivamente a base di acqua calda ed erbe pure, che permette di ottenere qualsiasi tonalità e copertura. Il suo racconto ha accompagnato la dimostrazione “live” di una colorazione totalmente a base vegetale su una modella con il 100% di capelli bianchi. Molte delle piante utilizzate sono commestibili, come ad esempio il Karkadè che si utilizza solitamente per le tisane: “dopo averle ridotte in polvere finissima e miscelate con l’acqua calda si ottiene un composto che non apre le squame del capello ma lo avvolge, aderendo in modo permanente” ha spiegato Rinaldi ad un pubblico incuriosito ed attento, aggiungendo: “il metodo di colorazione basato sulle piante tintorie lascia i capelli e la cute sana e si rivolge alle donne che amano la bellezza nelle sue sfumature più naturali, oltre che ai soggetti allergici che in tal modo possono tingersi i capelli senza ripercussioni.” Il suo sogno è che sempre più parrucchieri vogliano seguire le sue orme, anche in un’ottica di tutela dell’ambiente, perseguendo il sogno di una colorazione priva di derivati chimici che assicuri soddisfacenti risultati.

Categorie
Anno 2017 Design

Spa capelli&corpo: stop alla chimica, sì alle erbe tintorie!

Per far vivere alle proprie clienti un'esperienza unica, nuova e rilassante, Michele Rinaldi ha dato vita ad una Spa capelli&corpo che offre trattamenti a base di erbe tintorie e piante officinali ayurvediche.


Il centro benessere di Michele Rinaldi si trova a Senago, in provincia di Milano, ma accoglie clienti provenienti da tutta Italia (e non solo) offrendo percorsi di bellezza che vanno dalla ricostruzione vegetale per capelli ai trattamenti estetici, a momenti di purobes benessere con rituali basati sulla sinergia di oli puri, piante e fiori.

Anche le colorazioni per capelli dicono no ai prodotti chimici ed utilizzano solo erbe tintorie pure al 100% senza picramati e metalli pesanti. “La nostra è la prima spa per capelli  in Italia ad aver eliminato totalmente le tinte chimiche sostituendole con quelle realizzate con sole erbe tintorie  (ovvero polveri estratte dalle foglie o dalle radici di piante che contengono un pigmento tintorio) e acqua calda” ha raccontato Michele Rinaldi.

Ma com’è nata l’idea di utilizzare erbe tintorie nei i prodotti di colorazioni?

Tutto è iniziato quando ho sviluppato un'allergia alla parafenilediammnina, un ingrediente che si trova in tutte le colorazioni per capelli (spesso anche in quelle considerate green), che mi provocava gravi dermatiti sulle mani. Decisi così di provare a proporre a tutte le clienti quelle colorazioni vegetali che all'epoca usavo solo con le clienti allergiche o con quelle in stato interessante scoprendo che – contrariamente a quello che molte aziende dichiaravano durante i corsi di formazione – le piante tintorie non solo mi permettevano di ottenere una copertura totale dei capelli bianchi ma che era possibile realizzare ogni tipo di sfumatura e di colorazione, e non solo il classico rosso hennè.

Quali benefici offrono?

Questo tipo di colorazione non solo mi permette di coprire totalmente i capelli bianchi ma esercita una funzione protettiva sui capelli, tanto da non aver bisogno di far alcun trattamento post colore. Utilizzando le erbe tintorie non solo i capelli non si sfibrano ma, al contrario risulteranno più forti, voluminosi, morbidi e lucidi.  Naturalmente ogni capello reagisce in maniera differente ed è per questo che – nell'andare a miscelare le varie erbe tintorie – dobbiamo tenere conto di molteplici fattori: il colore di partenza, la presenza di capelli bianchi, la loro distribuzione sulla testa, la porosità del capello. Anche il tempo di posa varia a seconda della tipologia di capelli e può andare da un minimo di 15 minuti a qualche ore: non a caso parliamo di Spa e non di salone, perché chi viene deve poter godere appieno dei nostri trattamenti. La cosa importante? Utilizzare erbe allo stato puro, senza aggiunta di coloranti sintetici, ecco perché selezioniamo attentamente i nostri fornitori.

La vostra linea di erbe è estesa anche a tutti gli altri prodotti usati in salone…

Abbiamo shampoo, maschere ma anche creme per le mani o polveri tonificanti per il viso. Ogni trattamento, e ogni erba, viene scelto con cura in base al tipo di capelli e di pelle della cliente. Tra le erbe utilizzate, ad esempio, ci sono il Bhringaray, detta “pianta per i capelli” perché previene la caduta e rallenta l’incanutimento, l'arancio in polvere, ottimo per rendere i capelli brillanti, soffici e profumati, e il Nagarmotha,  utilizzato per purificare i capelli e la pelle.”

Che tipo di corsi formativi proponete a chi vuole seguire questa filosofia?

A tutti gli acconciatori che desiderano avvicinarsi a questo mondo proponiamo corsi di formazione da fare, anche individualmente, nel nostro salone. Trattandosi infatti di una colorazione particolare –  che richiede la conoscenza di ogni singola pianta, un'attenta analisi del capello, la miscelazione delle piante fatta pesando il tutto in maniera scrupolosa – accanto alla formazione teorica propongo anche un affiancamento in salone: un giorno da trascorrere da noi per vedere concretamente come avviene il processo e che tipo di rituali offriamo alle nostre clienti.

Obiettivi futuri?

Promuovere il più possibile questo tipo di filosofia, non solo per chi soffre di allergie ma per chi vuole vivere sempre di più nel rispetto della natura e del benessere naturale.