22 Aprile 2024

Proteggere i capelli durante l’estate in base alla tipologia: l’intervista ad Andrea Firriolo

Pubblicità

Proteggere i capelli durante l’estate è un must per tutti, ma a seconda della tipologia ci sono delle variazioni negli accorgimenti da utilizzare. Ne parliamo con l’hairstylist Andrea Firriolo.

Sole, vento, sudore, salsedine, cambi repentini di temperatura sono tutti fattori che incidono sul benessere dei nostri capelli, che in vacanza fanno il pieno dell’azione di agenti esterni in grande quantità. Come prepariamo il nostro corpo ad affrontare al meglio il periodo estivo – la ben nota prova costume garantita da un’attività fisica mirata e più intensa – allo stesso modo dobbiamo pensare che più i nostri capelli sono preparati all’estate meglio la affrontano.

Tutti i consigli e le best practice per avere capelli sani prima e durante le vacanze estive.

  • Idratare: prima e dopo le vacanze

Il consiglio generale, che vale per tutti, è idratare in profondità. Un’attenzione che vale sia prima della partenza, sia al ritorno in città. “Preparare i capelli prima della vacanza significa seguire dei trattamenti di idratazione profonda” spiega l’hairstylist torinese Andrea Firriolo, partner Wella Professionals. “Similmente, al rientro dalle vacanze, è necessario portare nuovamente in equilibrio le fibre con un trattamento idratante e uno ristrutturante, che va a ricostruire dove necessario. Ogni salone formula il proprio percorso, ma questa è una routine valida per tutti i tipi di capello”.

  • Attenzione al cuoio capelluto

Altra raccomandazione da ricordare in generale è che non devono essere protette solo le lunghezze, ma anche il cuoio capelluto. La regola è che “più i capelli sono fini, più zone di diradamento ci sono e quindi maggiore è l’attenzione da prestare” ricorda Andrea.

  • Non dimenticare di idratare anche in vacanza

Abbiamo preparato i capelli prima della partenza e li risaneremo al ritorno. Ma questi buoni proposti non dispensano dall’attenzione che si deve mantenere anche durante la vacanza, perché la disidratazione è un rischio dietro l’angolo. Quindi ogni volta che ci si espone al sole è necessario applicare un prodotto protettivo adeguato, mentre una volta terminata l’esposizione è necessario idratare per recuperare lo stress.

Proteggere i capelli durante l'estate in base alla tipologia: l'intervista ad Andrea Firriolo
  • Come proteggersi in base al tipo di capelli

Ogni capello ha un suo modo di reagire allo stress dell’esposizione solare. Pertanto è necessario selezionare la tipologia di prodotto più adatta. Per esempio, per i capelli fini, Andrea consiglia “dei prodotti in spray, che non appesantiscono le lunghezze, ma che proteggono anche la cute. Chi ha i capelli fini solitamente deve pensare a proteggere il cuoio capelluto come se fosse la pelle del viso”.

Chi ha i capelli spessi, invece, “deve preferire un prodotto in crema, che oltre all’azione protettiva esplica anche una funzione disciplinante e anticrespo”.

Per i capelli grassi, “non si deve aumentare la frequenza di lavaggio – che andrebbe a stimolare maggiormente la produzione di sebo con l’effetto di soffocare lo sviluppo del bulbo – piuttosto si deve scegliere un prodotto specifico, pensando in particolare alle lunghezze, perché la cute è già protetta naturalmente dal sebo”.

Per i capelli secchi, “è molto importante l’azione idratante post esposizione solare”, mentre per quelli sfibrati “è necessario ricorrere anche a un’azione ristrutturante. Ci sono diversi prodotti che ristrutturano ad azione immediata, perfetti da portare in vacanza perché non richiedono troppo tempo”.

Per i capelli ricci, “diventa fondamentale l’idratazione accompagnata da un anticrespo, per lasciare il riccio definito”.

Mentre chi ha i capelli colorati, “dopo l’esposizione deve sempre usare shampoo specifici con pigmenti adeguati alla colorazione, in modo da evitare che il capello si opacizzi. Come consiglio in più prima della partenza, suggerisco di colorare con un mezzo tono in più in modo da far fronte all’inevitabile azione schiarente del sole”.

  • La protezione è unisex

Nessuna differenza di trattamento fra capelli maschili e femminili. “Le esigenze di trattamento sono dettate dalla tipologia di capello e dalla lunghezza, pertanto questi consigli sono da considerarsi per tutti, a maggior ragione constatando il fatto che oggi sempre più donne portano i capelli corti e sempre più uomini portano i capelli lunghi!”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Framesi, gli acconciatori al centro

Framesi racconta la sua lunga storia di bellezza, stile e moda, narrata dal 1945 sempre e solo attraverso le mani del parrucchiere. Multinazionale solidamente radicata...

Tagli corti e femminili: 5 look di ispirazione

Darci un taglio con le chiome lunghe richiede un atto di coraggio, soprattutto perché si teme di perdere in femminilità. Spoiler: non è così....

Capelli rossi con sfumature blu: il “red” trend di questa primavera-estate

Apparentemente inconciliabili, le tinte infuocate e le tonalità del blu si sposano in una felice combinazione cromatica: i capelli rossi con sfumature blu. Se la...
Pubblicità
Pubblicità