23 Aprile 2024

Bello e Buono: Davines e Barilla insieme per l’agricoltura rigenerativa

Pubblicità

Si chiama Bello e Buono il progetto triennale che vede due grandi aziende made in Italy, Davines Group e Barilla, collaborare insieme per tutelare l’ambiente attraverso sistemi di agricoltura rigenerativa.

Cosa succede quando la bellezza incontra il buon cibo nel segno dell’agricoltura rigenerativa? Ce lo raccontano Davines Group e Barilla, due grandi aziende di Parma impegnate rispettivamente nel settore della cosmetica professionale e in quello alimentare, che insieme hanno dato vita a Bello e Buono, un progetto triennale dedicato all’agricoltura rigenerativa, con l’obiettivo di sviluppare sistemi e pratiche agricole che favoriscano la “rigenerazione” dei suoli, sia dal punto di vista ambientale che sociale.

A causa di coltivazioni intensive e dell’uso non responsabile di fitofarmaci, il suolo ha perso il suo naturale equilibrio. Per ripristinarlo e arricchirlo della sostanza organica persa negli anni, Barilla e Davines hanno predisposto un’area di 10.000 mq, adiacenti alle loro sedi, in cui i team di Ricerca Agronomica delle due aziende hanno avviato la sperimentazione della coltivazione in rotazione di cereali e piante destinate al buon cibo – come il grano tenero, il grano duro e il cece – e alla produzione di essenze utilizzate dall’industria cosmetica, come la melissa, la calendula e la lavanda.

“Barilla da tempo promuove il processo di transizione verso sistemi di coltivazione più sostenibili, in grado di ridurre gli impatti ambientali e preservare la biodiversità: l’agricoltura rigenerativa è uno di questi”, ha dichiarato Elena Bertè, Agronomy Research Manager del Gruppo Barilla. “Il nostro approccio è basato sulla ricerca, lo studio e la misurazione, al fine di porre delle solide basi scientifiche per migliorare l’ambiente in cui viviamo attraverso le nostre filiere ed i nostri prodotti. Il termine rigenerativo esprime di per sé il concetto di ‘ripristino’ dell’equilibrio della terra e della conservazione della biodiversità; la transizione verso questo sistema di coltivazione è un processo che richiede tempo e in cui il coinvolgimento e la valorizzazione del ruolo dell’agricoltore saranno fondamentali ed imprescindibili”.

“Il 60-70% di tutti i suoli europei è definito non in salute o in condizioni di degrado a causa di pratiche agricole non adatte, dell’inquinamento, urbanizzazione e per l’effetto dei cambiamenti climatici” ha ricordato Dario Fornara, Research Director di EROC (European Regenerative Organic Center) del Gruppo Davines. “La perdita significativa di sostanza organica e di biodiversità nei terreni agricoli rispecchia pienamente questo degrado. La soluzione sta nella riscoperta di pratiche agricole che favoriscono (e non impediscono) i processi biogeochimici naturali che avvengono nell’ecosistema suolo. Pratiche agricole biologiche rigenerative hanno questa capacità di favorire l’accumulo di carbonio organico nel suolo, di aumentare la diversità biologica dei terreni e di creare agro-ecosistemi più resilienti ai cambiamenti climatici”.

Agricoltura rigenerativa: sempre più sinergia tra il benessere del suolo e dell’uomo

Grazie al programma Bello e Buono, Barilla e Davines metteranno a confronto tecniche di agricoltura sostenibile con quelle di agricoltura rigenerativa. A livello scientifico, il progetto vuole misurare l’impatto di pratiche agricole diverse sull’aumento della sostanza organica del suolo, primo indicatore della sua fertilità, e della biodiversità e vuole valutare l’impatto della coltivazione di colture appartenenti a filiere diverse sull’economia di un’azienda agricola.

L’accordo, inoltre, mette in rilievo la forte sinergia tra la “rigenerazione” del suolo, attraverso le pratiche agricole, e la “rigenerazione” dell’uomo che beneficia sia della parte cosmetica che di una dieta alimentare più sana.

Tra gli obiettivi del progetto vi è quello di diffondere le pratiche rigenerative alla coltivazione delle colture tipiche del nostro territorio. L’empowerment degli agricoltori, la diffusione di una cultura universale e il consenso unanime sulle pratiche da adottare saranno elementi fondamentali affinché il processo verso un uso della terra responsabile e l’aumento della biodiversità avvenga velocemente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Annuncio dei vincitori degli AIPP Awards 2023-2024

Il mondo dell'acconciatura era in fermento quando l'AIPP ha utilizzato il proprio profilo Instagram per svelare i vincitori degli AIPP Awards 2023-2024. In un giorno...

Aveda Love Festival: l’evento che ha messo al centro i saloni

Il 17 e il 18 marzo nella suggestiva cornice di Villa Castelbarco a Vaprio d'Adda, Aveda ha dato il via alla seconda edizione di...

I VINCITORI degli ABS Global Image Awards 2024!

L'America's Beauty Show di Cosmetologists Chicago ha annunciato i vincitori degli ABS Global Image Awards 2024! I vincitori degli ABS Global Image Awards 2024 sono stati annunciati...
Pubblicità
Pubblicità