4 Marzo 2024

Salon design: il nuovo stile industriale

Pubblicità

Corsi e ricorsi sono fenomeni comuni nella moda come nel design. Torna lo stile industriale, reinterpretato con dettagli innovativi. L’esempio di Leco Odd a Tokyo.

Leco Tokyo è un’insegna coiffure che conta tre saloni nella capitale giapponese. L’ultimo è stato aperto nel 2022 ad Harajuku, distretto considerato il fulcro delle culture giovanili più estreme di tutto il Giappone, dove i negozi di moda propongono stili inediti e all’avanguardia.

In questo contesto, la scelta del nome Odd per il salone non è casuale, al contrario. Come spiega lo studio di design e architettura Kfuna, che ha curato il progetto, il termine vuole mettere in evidenza proprio il concetto di “strano” nel senso di differente dal comune, qualcosa che emerge dalla massa e che può essere considerato motivo di curiosità o, all’opposto, motivo di diffidenza e atteggiamento giudicante.

Salon Design

Sulla scia di queste riflessioni è nato un salon concept particolare. Alla base una forte vocazione industriale, che si allinea allo spirito anticonformista del distretto in cui si colloca, rintracciabile in molti elementi: lo spazio è stato lasciato nel suo aspetto più ruvido e non rifinito. A catturare l’occhio è l’impianto di aerazione, lasciato a vista, che con il suo metallo connota in modo inequivocabile l’ambiente. Nonostante i muri siano intonacati in modo impeccabile, il pavimento – con il suo effetto grezzo e con macchie e venature originali – prende il sopravvento e amplifica l’atmosfera creata dall’impianto.

Salon Design

L’illuminazione prevede una grande componente di luce naturale, che entra generosa dalle ampie finestre a tutta altezza disposte lungo le pareti. Mentre i neon arricchiscono il soffitto, portando il loro contributo all’effetto industriale.

Fin qui, lo stile industriale è da manuale, con i suoi elementi classici. Cosa lo rende inedito nell’interpretazione di Kfuna? Il lavoro sul cambio di prospettiva. Particolarmente evidente nella disposizione degli specchi che, pur mantenendo la loro funzione nelle postazioni lavoro, siccome vengono appesi liberi e “storti” rispetto alle pareti, diventano un elemento decorativo e di curiosità che spiazza gli ospiti.

La zona lavaggi conserva la tradizionale privacy, essendo ricavata in una nicchia sopraelevata e dotata sul lato frontale di una parete che la isola dal resto del salone. A disorientare e scardinare il punto di vista solito è l’uso di un rivestimento iridescente, che cambia colore al mutare dell’angolo visuale. Un tocco psichedelico in un contesto di ispirazione brutalista e minimale.

Salon Design

Credito foto: Daisuke Shima

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Il Taglio Shullet: il mix vincente tra due haircut

Sono sempre più trendy le mescolanze, la fusione tra due tagli per ottenere ibridi vincenti. È il caso dello Shullet, eccentrico e sempre più...

Capelli lunghi nel 2024? È un grande sì

Per chi se lo stesse chiedendo, no, non viviamo in un mondo di bob. Se il taglio medio imperversa, il lungo resiste e con...

Incontra i finalisti degli International Hairdressing Awards 2024!

Domenica scorsa, gli International Hairdressing Awards hanno annunciato i 18 finalisti del concorso 2024 con una trasmissione in diretta mondiale. Gli International Hairdressing Awards  hanno annunciato ieri...
Pubblicità
Pubblicità