24 Giugno 2024

I tagli genderless per andare contro ogni stereotipo


Piacciono alle star, agli stilisti e, più in generale, a chi non ama porre limiti di definizione di genere. Versatili e gestibili, i tagli genderless sono sempre più amati.


Chiamateli unisex, oppure fluidi, la sostanza non cambia. Ma se volete essere sul pezzo, la dizione giusta è tagli genderless. Stiamo parlando di quelle acconciature che, per la loro estrema versatilità, si adattano… alle persone. In modo indefinito, neutro, senza alcuna distinzione di sesso. Vediamo qualche idea.

Tagli genderless: il bowl cut


Bombato, geometrico, dotato di una spiccata personalità e di una forma che ricorda uno short bob ancora più corto ed estremo, il taglio a scodella è sicuramente uno dei più classici tagli neutri.


A chi sta bene un taglio genderless come il bowl cut? Innanzitutto, per la sua forma circolare è il massimo dell’apertura mentale: oltre a non fare distinzione di genere, il taglio a scodella è super democratico anche con le forme del viso: va bene per (quasi) tutti i visi, tranne quelli eccessivamente tondi.

Il Mullet è un taglio vintage rock tra i genderless


Ecco un altro taglio che non si preoccupa affatto di fare distinzioni di genere: il tanto vituperato mullet – taglio divisivo adorato oppure detestato – è anche un tuffo nel passato, essendo uno degli haircut preferiti dalle pop star degli anni 70/80.


Un taglio genderless storico, il Mullet, probabilmente il primo: a lanciarlo fu David Bowie – uno che di look androgini ne sapeva qualcosa – nei primi anni Settanta, per il suo personaggio/alias Ziggy Stardust.

Un super classico unisex Taglio Undercut


Sarà il suo tocco “alternative” oppure il suo carattere vagamente punk, ma il semi-rasato Undercut è da sempre un taglio genderless, al di sopra dei generi.


Perfetto come dettaglio estremo di un pixie cut, o per esaltare le forme di un mohicano o un mullet, l’undercut è per antonomasia un haircut universale, un’acconciatura contro ogni stereotipo.

Tagli capelli genderless: boyish e gamine


Austeri e androgini questi tagli da “ragazzaccio” sanno regalare un’eleganza impertinente nelle acconciature al femminile, più ordinata e “perbene” in versione maschile. E non è detto che debbano essere necessariamente molto corti, ciò che importa è il loro mood “boyish”.


Lo stile boyish – che in qualche modo rimanda al francese “gamine” –  infatti non è il termine tecnico di un haircut, ma la definizione di un mood, un modo di essere: incarnare lo spirito (unisex) di un ragazzo insolente e al di là di ogni posa convenzionale.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

VIDEO HBF – 19/06/24 | WEBINAR: INTELLIGENZA ARTIFICIALE APPLICATA AI SALONI con LUCA PISSIMIGLIA

HAIR BUSINESS FORUM, il nuovo format “manageriale” studiato per i parrucchieri da Estetica Hair, lancia il suo primo webinar dedicato all’intelligenza artificiale nei saloni. Insieme...

Extension versatili e perfette per i look delle celeb: intervista ad Andrea Soriga

Lunghi lunghissimi, colorati o folti come criniere. I look che si possono realizzare con le extension sono tanti e diversissimi. Ecco perché sono molto...

Intervista a Jordi Trilles: “Mettiamo il parrucchiere in prima linea in tutte le decisioni”

Abbiamo parlato con Jordi Trilles, Direttore Generale Regionale Sud Europa di Revlon Professional Brands, tre anni dopo l'adesione al marchio. Jordi Trilles, tre anni in Revlon Professional…...
Pubblicità
Pubblicità