18 Aprile 2024

Permanente: 5 cose da valutare prima di farla

Pubblicità

Un servizio coiffure che è tornato in salone recentemente e che attira anche le Millennials. Scopriamo le 5 cose da valutare prima di fare la permanente.

Del resto era inevitabile. Il ritorno degli anni Ottanta non ha portato solo i pantaloni a vita alta, i colori fluo e il mullet. Anche la permanente fa parte dell’eredità Eighties che stiamo rispolverando, ma per fortuna non è proprio come allora. Il servizio si è evoluto, è meno aggressivo e soprattutto risponde a un desiderio attuale ben preciso. 

“Dopo molti anni di assenza o con una bassissima richiesta in salone del servizio permanente, oggi torna accompagnando il desiderio di libertà e di volumi diversi” ci spiega Simone Minella, titolare del salone Nereide di Rovigo e direttore tecnico del gruppo Zero6labhairdressing per Wella. “Nel mio salone, nel 2021 ha avuto un incremento del 10% rispetto all’ultimo decennio e, per assurdo, a chiedercelo è una donna giovane, 25-35 anni”. 

Tutte pazze per la permanente dunque? Si, ma con consapevolezza. Insieme a Simone scopriamo quali sono le 5 cose da valutare prima di fare la permanente, per evitare brutte sorprese una volta tornate a casa.

1. Per che tipologia di capelli è meglio? 

La consiglio a tutti i capelli che non hanno un volume alla radice, privi di movimento naturale. In particolare, sui capelli che non tengono la piega consiglio una permanente più morbida, perché svolge una funzione di supporto. 

2. È necessaria una preparazione prima di questo servizio?

Generalmente, consiglio di programmare l’appuntamento della permanente dopo aver integrato la giusta idratazione con servizi mirati in salone e prodotti di mantenimento a casa. 

3. Quando bisogna evitarla? 

Io sconsiglio, anzi ammetto che con le mie clienti mi rifiuto, di applicare il servizio permanente su una capigliatura decolorata totalmente o con una percentuale altissima di mèches decolorate. Inoltre, in presenza di una forte caduta di capelli, consiglio di aspettare e riparlarne dopo una cura mirata. 

4. Le permanenti di oggi sono migliori rispetto a quelle di anni fa? 

Sicuramente la chimica si è evoluta. Come spiego sempre ai miei clienti e ai parrucchieri durante i miei seminari, oggi si può scegliere tra la chimica e la buona chimica. Esistono, infatti, liquidi senza i tioglicolati, o liquidi arricchiti di sostanze emollienti per rispettare maggiormente la struttura del capello. Rispetto agli anni Ottanta-Novanta, oggi il parrucchiere ha maggiore consapevolezza verso questo servizio, che lo porta ad aver maggiore attenzione nell’applicazione dei prodotti e nella consulenza.

5. Quali sono i plus della permanente oggi?

La permanente è entrata nell’immaginario della cliente non solo come soluzione Total Curls, ma risponde a tutti i desideri di movimento più o meno pronunciato. Inoltre, dà un supporto a tutte quelle clienti che non hanno un buon rapporto con spazzole e phon, restituendo cosi un senso di libertà nella preparazione e nella fase finale del look.

Leggi anche tutta la storia della permanente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Il ritorno del Bleach Blonde: dal Punk al glamour primaverile

Tra le tendenze colore capelli di questa primavera c’è un revival che ha catturato l’attenzione anche in chiave glamour: la tonalità Bleach Blonde. Iconica colorazione...

Tendenze capelli uomo primavera 2024: il Mullet maschile

Si presta a diverse interpretazioni, visto il suo carattere spiccatamente unisex. E in effetti, anche nella versione al maschile, il Mullet sta spopolando in...

Un nuovo Hair Look per Belen Rodriguez: è davvero quel che sembra?

Da qualche giorno non si parla d’altro, ma siamo sicuri che non sia un colpo di teatro? Ecco la verità sul nuovo taglio di...
Pubblicità
Pubblicità