22 Maggio 2022

Arte e capelli: binomio vincente, in Olanda, per protestare contro le restrizioni covid

Al museo no e dal parrucchiere si? Non c’è logica: e così per un giorno in Olanda, le sale da museo e da concerto si sono trasformate in temporanee beauty spa per protestare contro le restrizioni imposte dal governo olandese sul coronavirus, che vedono i musei ancora chiusi a 2 anni dalla pandemia. La protesta ha avuto un largo seguito perché, secondo gli operatori del settore, una visita al museo è altrettanto importante quanto un appuntamento in un salone di bellezza: arte e capelli si incontrano.

Pochi riescono a spiegarsi come mai i musei siano chiusi mentre i parrucchieri aperti. E così centinaia di responsabili dei luoghi della cultura, per protesta hanno aperto le porte a estetisti, parrucchieri, ma anche allenatori e praticanti della meditazione, che hanno dato vita per un giorno ai musei e alle sale da concerto olandesi, trasformandoli in saloni di bellezza, palestre, sale di mindfulness. Arte e capelli, così come la bellezza, si trovano a contatto.

In base alle misure anti-covid olandesi, infatti, musei, teatri, bar e caffè non possono aprire, al contrario di parrucchieri, centri estetici e palestre.

Chiediamo al governo solo di essere coerente, stabilire le regole in modo che tutti le capiscano. In questo momento non è così”. E per far sentire forte la protesta, la direttrice del Museo Van Gogh ha autorizzato due estetiste a smaltare le unghie delle clienti ammirando i capolavori del grande pittore.

Sono molti i settori della società olandese che condividono l’opinione che la strategia del governo in materia di contenimento del covid-19 sia illogica e contraddittoria. E così si sono organizzati: il centro di dibattiti De Balie, sempre ad Amsterdam, ha aggirato le regole aprendo le porte come istituzione religiosa chiamata Società Filosofica, la Comunità della Ragione. Il Mauritshuis, dove è esposta la Ragazza con l’orecchino di perle di Vermeer, si è trasformato in un campo di addestramento per allenamenti, mentre Il Panorama Mesdag, all’Aja, ha invitato le persone per un pomeriggio di «potenziamento mentale», e il Limburgs Museum si è trasformato in una palestra per la giornata con una sessione di Zumba.

Un bel modo per comunicare il proprio dissenso con il governo, facendo unire arte e capelli, oltre che tutto il settore beauty! Cosa ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
7,289FollowerSegui
2,741FollowerSegui

Ultime novità