24 Maggio 2022

Grande festa per la finale di Missione Beauty: a vincere è Olivia

Bellezza inclusiva e libertà di essere sé stessi i principi cardine della prima edizione del talent che ha visto al centro make-up e hair, e che si è chiuso con la vittoria di Abbia e Olivia.

aveda finale "Missione Beauty" - Olivia Riondino

Sorrisi, ma anche un po’ di tensione nel volto dei partecipanti ancora in gara che si sono riuniti venerdì 10 dicembre al The Space Cinema in centro a Milano per la proiezione, in diretta, della finale di Missione Beauty. E alla fine un grande applauso, che ha coinvolto la sala e che ha incoronato vincitrici la make-up artist Abbia Maswi e la hairstylist Olivia Riondino. “Abbiamo raccontato due professioni al centro del mondo della bellezza, della moda, dello spettacolo e del cinema. E proprio qui abbiamo voluto scoprire dei talenti” spiegano in sala Matteo Puppi, Marketing Manager Clinique e Alessandra Trovato, Master Education Aveda Italia, che hanno seguito il progetto fin dalle prime fasi. In una sala in cui sono presenti la conduttrice del programma Melissa Satta, ma anche i giudici Elisa Rampi, Manuele Mameli e Guido Taroni, e i tutti partecipanti alla prima stagione del programma.

Abbiamo chiesto a Elisa Rampi, che ha avuto il compito di giudicare gli hairlook realizzati dai partecipanti di Missione Beauty le sue sensazioni a conclusione del talent show. “Sono contentissima del programma il generale, così come lo sono che abbia vinto Olivia, che mi è piaciuta molto fin dall’inizio. Ho comunque notato una crescita in generale in tutti i ragazzi: si vede che hanno del potenziale, ma hanno anche saputo ascoltare i nostri consigli e questo li ha fatti maturare. Ogni consiglio che abbiamo dato è stato messo in pratica nella prova successiva, e questa è la cosa importante, perché sono tutti giovanissimi e con un’esperienza lavorativa ancora limitata. Di puntata in puntata, abbiamo visto un’evoluzione nel modo di lavorare il capello, che era esattamente quello che desideravo vedere, perché all’inizio erano molto più concentrati su trecce e raccolti, difficili da realizzare, ma che sono solo una parte del lavoro di hairstylist”. Ma non è tutto. “Finalmente una trasmissione che mette al centro il valore della professione del parrucchiere: non un mestiere come un altro, ma una professione che ha bisogno di talento ma anche di molto studio, di molta tecnica e anche di molta esperienza, e del quale si parla molto poco per essere una categoria così tanto rappresentata in Italia. Perché sono tantissimi gli hairstylist in Italia, tra quelli che lavorano in salone e quelli che si cimentano nel mondo della moda o dello spettacolo. Siamo tantissimi e poco presi in considerazione per quello che siamo, ed è giusto che ci sia attenzione per la categoria. Spero che sia solo l’inizio”.

Soddisfazione per i risultati di Missione Beauty anche da parte di Valeria Dehò, brand manager Aveda Italia. “Abbiamo deciso di partecipare al programma perché crediamo e sosteniamo un approccio alla bellezza un po’ diverso. Sostenibile, inclusivo, con libertà di espressione, com’è nel DNA di Aveda. Per noi, la bellezza è lontanissima dal concetto di ‘superficialità’, che alcuni hanno promosso in passato, ma è espressione di sogni e di talento che deve sbocciare, proprio come abbiamo visto questa sera. Supportando questa, ci piaceva farci conoscere come una realtà a supporto di persone di talento”.

Olivia Riondino e Valeria Dehò

“Preferiamo i fatti alle parole, e Missione Beauty è stato solo l’inizio, perché Olivia lavorerà con noi per un anno. Sarà un anno intenso che comincia con l’Aveda Induction, perché far parte dell’Aveda family vuol dire tante cose tra cui credere nella sua filosofia e avere un approccio olistico e positivo alla bellezza e alla cura di sé. Dedicheremo quindi tanto tempo alla formazione sia tecnica, per permetterle di crescere nel mondo del colore e dello styling, sia digitale e social. La supporteremo per poter valorizzare al meglio il suo lavoro, o perché no perché un giorno potrebbe diventare un’influencer. È un rapporto prima di formazione e poi di collaborazione, che la porterà a conoscere e interpretare a 360° le nostre novità”.

“Essere un parucchiere Aveda significa sposare una filosofia, ed è un ‘matrimonio’ che si deve tenere nel tempo. A ogni livello di collaborazione, perché come vediamo ci sono persone che scelgono di aprire un salone Aveda e ce ne sono altre, come i nostri artistry, come i nostri trainer o come Oliva stessa che collaborano con noi su progetti specifici. Però devono in ogni caso condividere i nostri valori, perché è questo che rende il rapporto autentico e molto credibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
7,289FollowerSegui
2,741FollowerSegui

Ultime novità