21 Settembre 2021

Hairdressing: la situazione in Russia

Abbiamo sentito Kirill Sarychev uno dei principali protagonisti dell’hairstyling e dello street style in Russia.

Nel 2010, Maria Klass e Kirill Sarychev hanno aperto l’HairFckerStudio a San Pietroburgo, dando vita a quello che sarebbe diventato il loro brand, oltre che fiore all’occhiello per gli hairstylist in tutta la Russia. Oggi è un vivace salone composto da tre grandi ambienti, un’Accademia di acconciatura e produzione. Kirill è nato a Novorossiysk – una città baciata dal sole, adagiata su un caldo mare –  ma si è trasferito in una San Pietroburgo tetra e grigia, dove ha trovato ironicamente la sua “tabula rasa” e un’ispirazione infinita. Ci ha raccontato prima il significato di una cultura russa dell’acconciatura e poi ha risposto alle domande che avevamo per lui.

LA CULTURA RUSSA DELL’HAIRDRESSING NEL PASSATO

La maggior parte della gente è a conoscenza del fatto che, prima della Rivoluzione del 1917, la Russia si sviluppò allo stesso modo del resto d’Europa sotto la grande influenza delle aristocrazie di Francia, Inghilterra, Olanda e Germania. Ma dopo che i sovietici salirono al potere, le cose cambiarono radicalmente: i contadini divennero la classe più potente e tutti gli aristocratici e le persone che avevano effettivamente costruito il paese divennero antieroi fuorilegge. Un’intera generazione di barbieri e parrucchieri russi, professionisti molto rispettati e finanziariamente benestanti, scomparve. Gli agricoltori sovietici non erano interessati a promuovere alcuna forma di moda. Dichiararono che il proletariato sovietico non avrebbe dovuto seguire i valori e le tradizioni capitaliste, scegliendo un abbigliamento universale, pratico e casual. La cura dei capelli fu relegata a una semplice routine igienica. Barbieri e parrucchieri divennero necessari solo per il taglio dei capelli che, inevitabilmente, crescevano. Nessuna idea di bellezza: possiamo chiamarla l’epoca oscura degli acconciatori in Russia.

Le cose cambiarono con la diffusione del rock’n’roll, un fenomeno così forte che andò oltre i confini del sogno comunista. Rappresentò un vero e proprio nemico “capitalista” e arrivò in quella fase in cui il popolo non era più così entusiasta di un futuro sovietico: era stanco di costruire il comunismo, della povertà e dell’appiattimento della personalità. La Guerra Fredda portò una chiusura dei confini, ma la gente desiderava ardentemente la libertà e la cultura del resto del mondo. I cosiddetti Spiv, protagonisti del mercato nero, e alcuni stranieri erano gli oscuri combattenti per la libertà: portarono il capitalismo equo nella pericolosa realtà sovietica. La moda era la loro merce. La maggior parte di questi Spiv bazzicava nei saloni – in quel periodo era illegale essere senza lavoro e l’acconciatura offriva l’opportunità di avere molto tempo libero –  lavorando la mattina nel salone per poi scendere in strada a vendere riviste e abbigliamento proveniente dal resto del mondo, musica e gadget.

La cultura criminale fu molto influente in Unione Sovietica. Molte persone avevano incarcerati tra i loro amici e parenti e finirono col modellare la loro vita quotidiana con lo stile di vita delle prigioni. Il rispetto per i criminali può essere fatto risalire alla tradizione clandestina, poiché in origine queste persone erano spesso vittime del regime sovietico e non sempre ladri e omicidi, ma individui civili, spesso criminali politici.

Il taglio di capelli più popolare in prigione era la testa rasata, poiché essere calvo era un modo per sembrare anonimo. E per i civili una testa rasata era un modo per esprimere solidarietà per i prigionieri oltre che un simbolo d’odio verso il regime comunista (Karl Marx e Friedrich Engels avevano entrambi capelli lunghi e barba).

Dopo la caduta dell’URSS, sono arrivati ​​tempi duri. Non c’era lavoro e la gente iniziò ad aprire piccole attività: una delle più popolari era quella dei saloni e molte persone pensarono di poter fare soldi come in epoca sovietica. Non ebbero successo, ovviamente, perché mancavano le competenze e non c’erano scuole professionali o controlli di qualità. L’immagine più tipica dell’hairstyling russo degli anni ‘90 era rappresentata da tre donne di grossa stazza, con grembiuli sporchi, che fumavano davanti alla porta e spettegolavano dei loro clienti e sui loro mariti. Gli interni dei saloni erano privi di stile, sembravano tutti orribilmente uguali. La gente li chiamava “bagni di bellezza”. Avevano un odore molto riconoscibile di permanente e prodotti chimici, c’erano lunghe code e il personale era scortese.

I cosmetici professionali sono arrivati ​​sul mercato a metà degli anni ‘90, rivoluzionando il settore. Le aziende iniziarono a capire che esisteva un enorme mercato potenziale, ma dovevano sostenere i saloni e aiutarli a rimanere in vita. Quello fu l’inizio della cosiddetta… era dello shampoo.

L’INTERVISTA: L’HAIRDRESSING IN RUSSIA OGGI

Quali sono le tendenze della moda capelli più cool in Russia attualmente? Quali sono i trend previsti entro la fine dell’anno? I colori “crazy” resisteranno? E le tendenze uomo?

Gli stili sono grosso modo gli stessi dell’America: tutti i tipi di colori vivaci, capelli corti, money piece, mullet ecc. Una delle tendenze che abbiamo lanciato sono i capelli “a coste” sui tagli corti. Abbiamo sviluppato questa tecnica alcuni anni fa, ispirata al cyberpunk e al design industriale, con linee parallele. Abbiamo trasformato l’idea di questo motivo sui capelli corti, creando un nuovo stile che va oltre gli hair tattoo e le fantasie rasate. Posso parlarne come di una tendenza locale perché lo mostriamo solamente nella nostra scuola di San Pietroburgo. Inoltre, ogni nostro team di stilisti ha imparato questa tecnica e, in quanto suoi ideatori, sappiamo come venderla spiegando tutti i suoi vantaggi al cliente. Da HairFcker escono diversi capelli “a coste” ogni giorno: dai 10 ai 20 parrucchieri lavorano in salone ogni giorno e ognuno di loro si occupa di questo styling.

L’altra tendenza che potrei citare è quella legata al mood umoristico: la gente ride di tutto, specialmente delle tendenze della moda, e cerca acconciature divertenti, a volte stupide e assurde per “trollare” la moda.

Ci sono differenze regionali nelle tendenze in Russia e quanto influenzano il tuo lavoro?

Con internet, tutto è veloce. Possiamo dire lo stesso delle grandi città russe, in particolare Mosca e San Pietroburgo, dove la moda dei capelli è influenzata dal resto del mondo. Con gli acconciatori locali, queste tendenze viaggiano in altre città dove incontrano la cultura post-sovietica che è ancora brutale, scortese e conservatrice. 70 anni di occupazione comunista hanno portato a tabù sociali e leggi severe che vietavano alle persone di avere look appariscenti o di esprimere la propria individualità. E le cose non sono davvero cambiate. Oggi si può ancora essere picchiati, o addirittura uccisi in una rissa, per avere i capelli lunghi o tinti. I bambini vengono cacciati da scuola per delle ciocche colorate di capelli o per dei tagli insoliti. La nostra missione è aiutare le persone ad apparire stravaganti e rendere ciò che è insolito come la norma. Vogliamo porre fine alla discriminazione basata sull’aspetto.

Viviamo in un clima piuttosto rigido, l’estate dura solo pochi giorni. Il cielo è quasi sempre coperto. Lo scorso dicembre, ci sono stati solo 95 minuti di luce solare in città. È freddo, grigio e piovoso. Le fotografie a colori della città spesso sembrano in bianco e nero. Il clima sottolinea il grigiore del paesaggio post-sovietico.

La nostra acconciatura e il nostro aspetto ci permettono anche di cambiare chi siamo dentro. Le persone a volte sbocciano quando si danno un altro colore. Può suscitare una leggera euforia, come se avessero realizzato qualcosa di coraggioso nella loro vita. Un po’ come la chirurgia plastica, ma senza i bisturi. Tu cambi le persone, le ispiri, e poi loro cambiano te. Questa è la nostra strategia.

Inoltre, San Pietroburgo è la capitale culturale della Russia. Può capitare che il tuo cliente diventi il tuo co-creatore per una nuova idea da concretizzare. Spesso creiamo repliche di dipinti famosi sulle teste delle persone: Malevich, Kandinsky, Rodchenko, Pollock, Rothko, van Gogh… I clienti si presentano con la foto di un dipinto e dicono: “Voglio questo”.

Che cosa guardano con più interesse gli acconciatori russi, quando imitano gli altri stili stranieri? In quali altri paesi cercano ispirazione?

Una delle unicità della Russia è la sua geografia: ci troviamo tra l’Europa e l’Asia, non siamo né Oriente né Occidente, con un forte background comunista sovietico e questa è la nostra peculiarità. Inoltre non abbiamo molti grandi marchi di cosmetici, giusto un paio. La maggior parte dei principali brand mondiali ha solo la distribuzione in Russia e non sviluppa le tendenze per vendere i propri prodotti. Non ci sono molte persone assunte dai marchi come ambassador o creativi, quindi la maggior parte degli stilisti è indipendente. Non sono motivati ​​a diventare venditori di un brand, ma sono molto indipendenti con uno straordinario livello di creatività.

Che cosa possono imparare i parrucchieri di altre parti del mondo dai loro colleghi russi? Cosa stanno già copiando?

La tendenza colore originale più popolare è l’airtouch, perché è stata ideata in Russia dal colorista Vladimir Sarbashev e si è diffusa rapidamente. Il resto del mondo, tuttavia, non la pratica correttamente: devi imparare tutti i dettagli e le sfumature in prima persona e fare molta pratica. Credo che l’airtouch sia la vera rivoluzione nella colorazione perché è una tecnica davvero innovativa che permette di ottenere infiniti risultati. Offre più opzioni di qualsiasi altra tecnica e va ben oltre il balayage.

Una volta che hai imparato l’intero sistema è più facile capire di cosa sto parlando. Ti offre le basi per ottenere biondi puliti e freddi, nascondere i capelli grigi, creare ombre per le radici e correzioni sicure senza dover danneggiare i capelli. Da quando l’ho appresa, 3 anni fa, la utilizzo solo sui capelli lunghi.

È importante sottolineare la disciplina e la pratica che questa tecnica richiede, come il metodo di taglio di Sassoon. Devi allenarti duramente per lavorare più velocemente. Ricordo che il mio primo servizio di colore airtouch mi ha richiesto 10 ore sui capelli lunghi! La maggior parte dei professionisti (e dei clienti) sono riluttanti. Ma in Russia, la qualità è una priorità e la velocità è secondaria. In America è l’opposto: la maggior parte dei coloristi cerca di lavorare più velocemente e non sono pronti per servizi di 6-10 ore, anche se possono diventare 3 le ore dopo che hai allenato a sufficienza le tue capacità.

Un’altra cosa che mi viene in mente è la  maleducazione – ci sono molti parrucchieri che non sono politicamente corretti o intolleranti –  sono maleducati, maschilisti, spesso senza freni. Come Yura Badhair, che ha tagliato i capelli con una sega circolare e ha ferito il suo modello. Questo caso non deve essere emulato, ma illustra quanto possano essere oltraggiosi alcuni stilisti russi. Inoltre conosco un ragazzo che è il fondatore di una grande azienda e insegna a centinaia di stylist cose che non posso nemmeno riportare in questa intervista. È come se fosse il nuovo punk rock e mentre il mondo sta cercando di diventare più  inclusivo e tollerante, gli artisti russi insistono per essere più alternativi e ribelli. Non cercano l’approvazione di nessuno, vogliono solo esprimere il loro sentimento interiore.

Una delle cose che HairFcker diffonde come tendenza, e so che si tratta di un’idea che altri ci copiano, è il concetto di Graffity Hair. Esprimiamo il messaggio con parole o simboli sulla parte più visibile del corpo umano: la testa. Proprio come i graffiti, non è nulla di permanente, i capelli ricresceranno e il messaggio scomparirà. Proprio come i graffiti, ci sono emozioni: ammirazione o disgusto, mai indifferenza. Può essere brutto o bello, può essere arte o vandalismo. L’hair art può uscire dalle gallerie e diventare vera arte di strada. Le scritte sulla testa sono più appariscenti di una stampa sui vestiti o di un tatuaggio sul tuo corpo; è meno comune e attira più attenzione.

In che modo la pandemia ha cambiato il lavoro dell’acconciatore e quant’è lontana la normalità?

Rispetto al resto del mondo, i russi non hanno paura del Covid e da giugno 2020 siamo aperti come in passato. Dobbiamo indossare maschere ma a nessuno importa. Dopo il primo blocco i saloni hanno aperto con alcuni limiti di capienza e una sanificazione più intensa, ma siamo tornati alla vita normale. All’inizio la gente era spaventata e non c’era il sostegno del governo. Dopo il lockdown, ogni salone ha perso membri del proprio team: gli hairstylist hanno dovuto lavorare a casa o in luoghi illegali, e molti di loro non sono tornati al salone, ma hanno iniziato a lavorare in modo indipendente. Ci sono sempre più posti di co-working per loro.

Non penso che sia positivo perché non hanno un team, un leader o condivisione di idee. A volte questi posti assomigliano alla Fiera di Donnybrook. Lavorando in una squadra fai parte di un piccolo esercito con la stessa ideologia, quindi abbiamo alcune aziende che sono forti grazie allo spirito di squadra. Ad esempio, in HairFcker abbiamo un ampio spazio comune con accesso 24 ore su 24, attrezzature per servizi fotografici, riunioni motivazionali e team building, eventi di collaborazione e altre opportunità che non esistono negli spazi di co-working.

Personalmente, ho avuto il tempo di pensare molto e di creare. Volevo fare qualcosa che potesse durare più a lungo di una semplice acconciatura o di immagini su Instagram, quindi mi sono rivolto maggiormente all’arte. Ho sviluppato alcuni progetti che abbiamo realizzato nel 2020, come il documentario HAIR = ATAVISM e Dirty Art Hairdressing, una mostra d’arte che ho organizzato a New York nella DorDor Gallery, dedicata agli hairstylist russi d’avanguardia. Il Covid mi ha dato il tempo di lavorare su questi progetti e li svilupperemo ulteriormente nel 2021.

Per la prima volta abbiamo utilizzato i capelli per creare oggetti d’arte, riflettendo sul tema del riciclo, perché ogni giorno vengono buttati via tonnellate di capelli tagliati e perdono il loro valore non appena vengono separati da un essere umano. Pertanto, abbiamo creato immagini fatte di capelli. Durante la creazione di questo tipo di immagine, sembra che tu lo stia firmando con il tuo stesso DNA.

Creare oggetti d’arte da cose familiari, come i capelli, vedere qualcosa di diverso dagli altri ed essere creativi inventando una nuova realtà: questo è ciò che consideriamo la vera arte contemporanea.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
6,826FollowerSegui
2,812FollowerSegui

Ultime novità