3 effetti del Covid-19 sull’industria della bellezza

La società di ricerche di mercato Mintel ha esaminato gli effetti della pandemia sul settore della bellezza in Germania.

La pandemia sta avendo un impatto enorme sul settore dei cosmetici e su quello della coiffure. Il risparmio è un trend tra i consumatori finali e la routine della cura del sé è ridotta al minimo a causa dello smart working. Questo colpisce sia i produttori, sia i saloni. Ciò che urge nel settore ora è la creatività unita all’azione, anziché restare ad aspettare tempi migliori.

1. Parrucchieri e saloni di bellezza devono ripensare il loro approccio

Durante la crisi da Covid-19, anche parrucchieri e saloni di bellezza stanno combattendo per mantenere fatturato e clientela. Le persone non vogliono rinunciare alle loro routine di bellezza per mantenere una parvenza di normalità nella nuova quotidianità che stanno vivendo, ma tendono a farlo in autonomia, nell’intimità delle proprie mura domestiche. Oggi i cosmetici per capelli riguardano meno lo styling e più l’hair care. Molti clienti prolungano il tempo tra un appuntamento e l’altro in salone e si tingono persino i capelli da soli a casa. I prodotti professionali che possono essere utilizzati anche a casa, stanno diventando sempre più dei best seller e anche le aziende stanno seguendo il trend per non perdere fatturato o quote di mercato.

2. Online invece che offline

In passato, il comportamento di acquisto dei tedeschi online era piuttosto stazionario, preferendo la vendita al dettaglio. Questo sta cambiando radicalmente a seguito della pandemia (Douglas, ad esempio, che è all’avanguardia sta sempre più facendo affidamento sull’e-commerce). Inoltre, che piaccia o no al settore, i sistemi di prenotazione online giocheranno un ruolo sempre più importante in futuro. Qui è importante agire per tempo e digitalizzare passo dopo passo il proprio salone.

3. Sostenibile, biologico, pulito e certificato

Ripensare il proprio stile di vita e il comportamento dei consumatori gioca attualmente un ruolo più importante che mai. Le persone vogliono prendersi cura della propria salute e della propria bellezza e scegliere di conseguenza i propri prodotti. Dovrebbero essere il più “bio” possibile, ovvero ecosostenibili per proteggere l’ambiente e favorire fonti di materie prime rinnovabili, ingredienti naturali e formulazioni pulite. Molti clienti in salone metteranno in dubbio le formulazioni delle colorazioni o dei trattamenti. Il professionista dei capelli dovrà quindi essere meglio e più informato del cliente e avere un’offerta di proposte allargata, in linea con questa nuova tendenza.

4. A proposito di pelle impura e attriti da dispositivi di protezione

L’industria cosmetica si sta attivando: molte persone – sia parrucchieri sia clienti – che devono lavorare tutto il giorno indossando una mascherina conoscono bene il problema: spuntano i brufoli, la barretta metallica sul naso lascia tracce inestetiche e annusare costantemente il proprio alito non è particolarmente piacevole, a meno che non ci si affidi continuamente alle gomme da masticare. Gli effetti di indossare una maschera sulla pelle e sull’igiene orale non devono essere sottovalutati. Il focus delle innovazioni è sul tema degli sfregamenti causati dalle mascherine per il viso, quindi maggiore comfort grazie a fragranze e oli essenziali, formule studiate ad hoc e prevenzione delle irritazioni della pelle quando la si indossa in modo prolungato.

 Fonte: Mintel

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,753FansMi piace
239,694FollowerSegui
5,886FollowerSegui
2,812FollowerSegui

Ultime novità