Parrucchiera positiva al Covid-19: chiuso il salone a Belluno e tampone ai clienti

Una parrucchiera in provincia di Belluno è risultata positiva al Covid-19: chiuso il negozio ed eseguito il tampone ai clienti che hanno avuto un contatto con la professionista.

É ora in quarantena la parrucchiera Rina De Bolfo, titolare del salone Per Te di Costalta di San Pietro di Cadore (Belluno), risultata positiva al Coronavirus. L’annuncio è avvenuto su Facebook con un videomessaggio sul suo profilo: «Ho la faccia stravolta come se mi fosse passato sopra un camion. Oggi mi hanno contattata dall’ospedale e comunicato che sono positiva. Ho già provveduto a fornire i nomi di tutti i miei contatti

Continua la parrucchiera affermando che probabilmente il contagio è avvenuto tramite il figlio Simone, che frequentava l’asilo nido in cui sono state trovate due maestre affette da Covid-19. «Il Dipartimento di prevenzione farà quello che deve fare – continua la parrucchiera positiva – Io starò a casa per due settimane. Il 12 ho un altro tampone. La cosa che mi pesa di più è che ti crollano tutte le certezze che pensavi di avere. Mi sono sempre comportata in modo corretto. Ma non si tratta di lebbra».

Rina De Bolfo, saputa la positività delle insegnati della scuola del figlio, ha voluto immediatamente eseguire il tampone e ha segnalato anche i clienti con cui è entrata in contatto, ma non tutte le persone hanno reagito come lei. Infatti, al giornale Il Gazzettino ha così dichiarato: «Ho visto spesso la vergogna da parte delle persone positive. Io mi faccio la quarantena, sono tranquilla per come mi sono comportata ovunque. Tanti invece nascondono la testa sotto la sabbia. So di persone che non hanno voluto fare il tampone. In questa situazione non serve a niente. Prima vengono fatti i controlli e prima ne usciamo».

La parrucchiera positiva afferma che il contagio da Covid-19 viene molto sottovalutato soprattutto dai residenti di Costalta: è un argomento che non viene preso seriamente e di conseguenza non vengono rispettate le regole in paese, come per esempio tenere la mascherina. Rina, invece, si è sempre attenuta al protocollo nel suo salone, con torri di gel disinfettante, distanziamento di due metri tra le due postazioni, servendo un cliente alla volta con obbligo di indossare la mascherina.

Nonostante le precauzioni attuate e il rispetto delle norme, la parrucchiera positiva è preoccupata per i venti clienti che dovranno effettuare il tampone. Come ha riportato a Il Gazzettino, Rina ammette che «Me li immaginavo tutti in quarantena invece possono muoversi tranquillamente con la mascherina fino all’esito del tampone. Mi hanno spiegato che è stato un contatto secondario». Conclude però dicendo che «Non sono preoccupata. C’è di peggio. Però bisogna rispettare le regole. Si tratta di indossare una mascherina, non di trasportare 80 kg sopra la testa. È il caso di andare nella stessa direzione, altrimenti non ne usciamo più». 

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Barex Italiana lancia Joc Care: 100% Vegan

Una linea consapevole che si fa stile di vita. Joc Care di Barex Italiana unisce la bellezza al consumo autentico e socialmente...

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,831FansMi piace
239,694FollowerSegui
5,412FollowerSegui
2,805FollowerSegui

Ultime novità