19 Giugno 2024

L’industria cosmetica reagisce: previsioni di perdita contenute a -11,6%

Pubblicità

Dopo il crollo dei consumi dovuto all’emergenza Covid-19 e al lockdown, il settore della cosmesi contiene i danni e si reinventa.

Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia

Presentata a Milano l’indagine congiunturale del Centro Studi di Cosmetica Italia: a fronte di un inizio in tenuta nei primi mesi del 2020 e al crollo post lockdown, l’industria cosmetica – grazie alla capacità di reazione delle imprese del settore – contiene la perdita prevista nel secondo semestre a -11,6%. Il confronto tra la bilancia commerciale del primo semestre 2020 e quella del 2019 registra una variazione negativa di 311 milioni di euro, performance ben migliore di altri settori contigui (calzatura, abbigliamento e pelletteria) non food.

“Nel leggere questi dati caratterizzati da un segno negativo dobbiamo innanzitutto comprendere le difficoltà che le nostre aziende hanno affrontato: dal lockdown alla chiusura di molti esercizi distributivi, dalle tensioni sui mercati esteri e nel reperire le materie prime al cambiamento delle abitudini di acquisto” commenta Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia.

“Queste stime, ben più contenute rispetto a quanto ci saremmo aspettati solo pochi mesi fa, testimoniano la decisiva capacità di reazione del nostro settore che, in un contesto di crisi, dà prova di solidità, capacità imprenditoriale e resilienza. Un atteggiamento dimostrato anche dagli investimenti in ricerca e innovazione che continuano a rappresentare il 6% del fatturato, il doppio della media nazionale».

L’analisi dei canali distributivi

Si evidenzia come il mass market – con una lieve contrazione del -1,7% – continui a coprire oltre il 40% del mercato cosmetico seguito, novità di questa rilevazione, dalla farmacia che si stima chiuderà il 2020 con un solo calo di due punti percentuali, sorpassando la profumeria (-24% rispetto al 2019).

I canali professionali scontano le chiusure forzate di circa tre mesi: le previsioni di chiusura anno per l’acconciatura professionale indicano un -29% e un –28,3% per l’estetica.

L’e-commerce (in relazione all’importante cambiamento nelle abitudini di consumo dovuto alla situazione contingente) è l’unico canale distributivo che registra un andamento positivo, con una crescita stimata del +35% a fine 2020.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Capelli ricci: la nuova permanente “gentile”

Meno invasiva e più sana. La permanente 2.0 porta con sé un nuovo modo di concepire i capelli ricci, più “healthy” e dall’aspetto naturale. C’è...

The Age of Elegance di Intercoiffure Mondial

Intercoiffure Mondial ha presentato a Barcellona la sua nuova, stimolante collezione di moda capelli per il 2024 “The Age of Elegance”. Durante il congresso di due...

Sai come prenderti cura delle tue hair extensions? Scopri l’haircare routine SEISETA

Le extensions SEISETA sono un prodotto naturale, identico ai nostri capelli, ma ovviamente non più nutrite dal cuoio capelluto.Per questo motivo, per una cura...
Pubblicità
Pubblicità