Schiarire i capelli in modo naturale: i consigli dell’esperto

Lo stesso effetto del sole dopo una bella vacanza al mare. Quel biondo lì è possibile ricrearlo con l’aiuto del parrucchiere. Come farlo al meglio? Estetica ha chiesto a Cristiano Filippini tutti i consigli per schiarire i capelli in modo naturale.

Il trend naturale sta confermandosi fra i più longevi degli ultimi anni, ancora di più in questo 2020 che ci ci ha fatto riscoprire l’importanza delle cose semplici e ci ha accompagnati a un ritorno all’essenzialità. Schiarire i capelli in modo naturale è una frequente richiesta delle clienti in salone. Cristiano Filippini, hairstylist dal 1996 e fondatore di [#1]Hairlab a Roma, risponde a tutte le FAQ in merito, a partire da cosa significa. “Schiarire i capelli in modo naturale significa utilizzare quelle tecniche di colorazione dove l’intervento del parrucchiere non è evidente, quindi tutte quelle colorazioni che non si allontanano di più di tre toni rispetto alla base naturale. Per intenderci, tutte le tecniche con le quali cerchiamo di ricordare o imitare l’effetto dell’esposizione al sole e al mare”.

Al momento, quali sono le soluzioni che consentono di ottenere questo risultato?

Sarò banale, ma la tecnica più in voga in assoluto è il balayage, cioè l’uso di decoloranti e superschiarenti per schiarire e illuminare in modo più o meno naturale lunghezze e punte. Possiamo ottenere questo effetto utilizzando varie modalità, le più diffuse sono sicuramente quella della cotonatura e delle schiariture a mano libera in cartina. l SunStripping e il Color Contouring sono delle varianti interessanti e meno impegnative dal punto di vista dei costi e dei tempi.

Se pensiamo a colori diversi dal biondo, come castano o rosso, che tipo di interventi si possono eseguire?

Per fortuna varie celeb e influencer si stanno orientando su tonalità e nuances più naturali, le tecniche con le quali raggiungiamo il risultato sono le medesime, ciò che cambia sono i prodotti usati e i tempi di posa, qualora lavorassimo su capelli naturali non saremmo più costretti all’uso del decolorante e dei tonalizzanti, ma potrebbe bastare un normale colore a ossidazione. Nel caso dei castani e dei rossi, l’attenzione va posta sulle tonalità e i riflessi del colore in relazione all’incarnato della cliente.

Quali sono gli accorgimenti che si devono mettere in atto per adeguare il risultato alle caratteristiche della cliente?

Sicuramente il balayage è molto richiesto da tutte quelle clienti che amano i capelli lunghi: più la capigliatura è vistosa e fluente, più il risultato finale sarà ottimale perché ci permette di giocare con luci e ombre, fondamentali per richiamare la naturalezza, ma soprattutto per celare o mettere in risalto pregi e/o difetti della cliente stessa.
Per esempio, se abbiamo una cliente con un viso particolarmente tondo o paffuto, cercheremo di evitare la parte chiara in corrispondenza delle guance o delle mandibole. Agiremo invece con una parte più scura, così da snellire il viso stesso. Essendo il balayage e le schiariture in genere usati più spesso su capelli molto lunghi, importantissima sarà la salute di cui questi godono.

Dal punto di vista degli effetti sui capelli, quanto oggi queste tecniche sono rispettose della salute?

Io credo che un punto fondamentale per la tutela della salute dei capelli sia un’attenta consulenza basata sullo stato della capigliatura e sull’ascolto dei desideri e delle abitudini della donna che intende approcciarsi a questo servizio. Bisogna cercare di rispettare il più possibile la struttura dei capelli, soprattutto perchè stiamo utilizzando prodotti, come il decolorante, che tendono a modificarne la struttura. È estremamente doveroso, però, dire che oggi le grandi aziende produttrici stanno ponendo molta attenzione a riguardo, starà al professionista evitare prodotti troppo aggressivi e scegliere la tecnica più idonea e meno invasiva… Un consiglio: meglio optare per qualche minuto di posa in più, piuttosto che un ossigeno ad alti volumi. Detto ciò, posso assicurare per esperienza personale e diretta che un buon prodotto in mani esperte garantisce una capigliatura in perfetta salute. 

Consiglia di richiedere questo servizio prima di andare in vacanza al mare o rischia di rovinarsi l’effetto?

Assolutamente sì! D’altronde perché privare una donna di avere bellissimi capelli in un momento magico come l’estate? Nel caso in cui ci troviamo in prossimità delle vacanze, il consiglio è quello di tenerci su tonalità leggermente più scure, poiché il sole e il mare contribuiranno alla schiaritura senza rovinare l’effetto lasciandolo più naturale.

Che cosa consiglia per la manutenzione a casa?

Ci sono varie cose che possiamo fare per mantenere più a lungo questo effetto. Se parliamo di biondi freddi, un consiglio è quello di utilizzare uno shampoo antigiallo, che ci aiuterà a spegnere tutti quei riflessi indesiderati dati dall’ossidazione del colore che aumenta ad alte temperature. Mentre se parliamo di tonalità più calde e naturali, il consiglio è quello di utilizzare prodotti specifici per capelli colorati o dei detergenti che contengano una bassa concentrazione di solfati, che sono i maggiori responsabili della disidratazione dei capelli. Un’altra buona abitudine è quella di usare delle protezioni ogni volta che si espongono i capelli al sole, oppure prima di fare il bagno al mare o in piscina, perché il cloro e il sale non sono i migliori alleati dei nostri capelli.

Dal punto di vista professionale qual è secondo lei la tecnica che garantisce la performance migliore?

Non parlerei di una tecnica in particolare, ogni scelta è strettamente legata alla donna che abbiamo di fronte e al suo desiderio espresso nel momento della visita in salone. Posso dire che da un po’ di tempo abbiamo volutamente messo da parte lo shatush, che fino ad alcuni anni fa era la tecnica di riferimento, e che ora in tutti i miei saloni è stato sostituito dal balayage, realizzato con la tecnica della schiaritura ottenuta con una combinazione tra tricotage e cotonatura alla radice, perché ci permette di schiarire la base in maniera soft, senza lasciare segni di colore innaturali o troppo evidenti.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Barex Italiana lancia Joc Care: 100% Vegan

Una linea consapevole che si fa stile di vita. Joc Care di Barex Italiana unisce la bellezza al consumo autentico e socialmente...

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,831FansMi piace
239,694FollowerSegui
5,413FollowerSegui
2,805FollowerSegui

Ultime novità