13 Aprile 2024

Caschetto asimmetrico: regole d’oro e a chi sta bene

Pubblicità

Originale, sempre attuale e dalle mille interpretazioni: scopriamo con Matteo Susini le regole d’oro per realizzare un caschetto asimmetrico impeccabile e i criteri per capire a chi sta bene.


di Daniela Giambrone

Il caschetto continua a rimanere uno dei tagli di tendenza per questa stagione. Perché è comodo, è d’effetto e si presta a interpretazioni sempre diverse e originali, come per esempio quella del caschetto asimmetrico.

Quando si parla di taglio asimmetrico si intende che la testa non ha corrispondenze uguali di proporzione e lunghezze. Le caratteristiche che contraddistinguono un taglio asimmetrico sono:

  • diverse lunghezze nei perimetri
  • diverse lunghezze all’interno della forma (scalature e graduazioni)
  • diversi volumi, direzioni e texture”.

Così Matteo Susini, hairstylist e Creative Director di Loft Parrucchieri, spiega le caratteristiche generali che definiscono un taglio asimmetrico. Ma pensando in particolare a come rendere il caschetto asimmetrico dichiara: “è uno dei miei tagli preferiti, personalmente per renderlo asimmetrico gioco con le diverse lunghezze del perimetro, con le scalature e sposto i volumi per rendere l’asimmetria ancora più evidente”.

Dal punto di vista tecnico, quali sono le regole d'oro per realizzarlo in modo ineccepibile?

Dal mio punto di vista, le regole a cui mi affido sono una corretta diagnosi prima del taglio a capelli asciutti: analisi di texture, tipo di capello, attaccature, tipo di viso. Dopo di che, durante il taglio, mi affido molto alla tecnica unita alla creatività e ovviamente a un buon paio di forbici! Indispensabile il ritocco a capelli asciutti dopo la piega.

Quali sono i criteri per portarlo bene? Possiamo dire a chi sta bene e a chi no?

Il primo criterio per portarlo bene è sicuramente la personalità e la sicurezza della cliente stessa, che per prima deve sentirsi bene con quel taglio! Dopodiché si valutano questi elementi:

  • forma del viso
  • lineamenti
  • tipo di taglio (medio, lungo, corto)
  • tipo di capello (texture, fino, grosso, lunghezza).

Il viso ideale per il caschetto asimmetrico è il viso ovale o leggermente allungato, sarebbe meglio evitarlo su visi rotondi o su mascelle molto quadrate o pronunciate perché evidenzia gli eccessi. Riguardo al tipo di capelli, li preferisco fini e lisci.

Che variazioni di taglio e styling sono possibili?

La creatività unita alla tecnica gioca un ruolo fondamentale: una frangia piena, una frangia laterale, la posizione della riga, un volume più amplificato sono soluzioni che ci offrono delle variazioni sul tema e rendono unico il taglio.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Un nuovo Hair Look per Belen Rodriguez: è davvero quel che sembra?

Da qualche giorno non si parla d’altro, ma siamo sicuri che non sia un colpo di teatro? Ecco la verità sul nuovo taglio di...

Ri.Splendi di Bellezza by Monacelli Italy

I tre giorni di immersione nella bellezza organizzata da Monacelli Italy per i suoi partner si sono svolti nel mese di marzo nella suggestiva...

La rivoluzione delle Hair Extensions: Invisible Tape-in di Seiseta

Con il restyling delle hair extensions INVISIBLE Tape-in, SEISETA offre ciocche più folte e una nuova forma rettangolare del bond, che garantisce maggiore adesione e...
Pubblicità
Pubblicità