16 Luglio 2024

Parrucchieri in piazza

Lunedì 25 novembre per la prima volta gli acconciatori sono scesi in piazza per manifestare contro la pressione fiscale.


I parrucchieri di tutta Italia hanno partecipato alla Manifestazione Artigiani e Commercianti che si è tenuta in piazza Duomo a Milano e in piazza Montecitorio a Roma per sensibilizzare le istituzioni politiche in merito alla pressione fiscale e alle problematiche di categoria.

“Si tratta di una manifestazione organizzata in maniera autonoma sui social, senza l'ausilio delle associazioni di categoria – ha spiegato Daniela Rosica, titolare dei saloni Divas a Vasto (CH) – Le problematiche del nostro settore sono tante, e uguali da Nord a Sud, ma non era mai capitato che noi acconciatori facessimo sentire la nostra voce”.

Tante le motivazioni che hanno spinto i parrucchieri a scendere in piazza:

  • il ripristino delle distanze tra un salone e l'altro
  • corsi di formazione regionali regolamentati a seconda delle necessità di mercato: inutile formare ogni anno nuove figure se il settore non può assorbirle
  • più controlli per eliminare il lavoro nero
  • listini base uguali per tutta Italia: stop a tutti quei parrucchieri che mettono la piega a 5 euro, quando gli stessi studi di settore parlano di un minimo di 16/17 euro per poter garantire la sopravvivenza del negozio
  • cuneo fiscale: ad oggi permane il regime forfettario con la tassazione al 15% per i ricavi fino a 65 mila euro ma sono stati introdotti nuovi ed assurde limitazioni
  • concessione del contributo di maternità e degli assegni familiari per i lavoratori autonomi

“Basta considerare evasori fiscali chi invece le tasse le paga eccome ed è continuamente sotto pressione  – continua Daniela – La nostra classe politica non fa nulla per cercare di creare nuovi posti di lavoro, al contrario il lavoro dell'artigiano e del commerciante sta morendo ed iniziative come quella del parcheggio a pagamento nei centri storici non fanno altro che contribuire alla nostra  fine.”

Sotto accusa anche il pagamento obbligatorio con Pos e casse elettroniche: “Innanzitutto ci si dimentica che il contante è una forma di pagamento legale autorizzato dalla Banca Centrale Europea, e non capiamo perché lo Stato ci debba costringere a far pagare un cliente con la carta. In secondo luogo, bisogna tenere conto di tutti quesi saloni che hanno addirittura rinunciato al wi-fi per eliminare delle spese fissi mensili che fanno fatica a pagare…”.

Foto: Daniela Rosica

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Hairlobby rinnova i suoi organi direttivi

Per i parrucchieri che hanno dato vita e fanno parte di HairLobby, gli ultimi trenta giorni sono stati particolarmente attivi e ricchi di cambiamenti....

Con Kairós di Toni Pellegrino la bellezza si esprime con libertà

Da Toni Pellegrino ecco una collezione che mette in luce il momento perfetto. Kairós SS 24 è il tempo dell'emozione, della gentilezza, della bellezza....

Hairlobby si rinnova

Momenti di grandi cambiamenti per HairLobby, l’associazione datoriale che EsteticaHAIR ha finora sempre sostenuto. A due anni esatti dal debutto operativo della prima compagine...
Pubblicità
Pubblicità