8 Dicembre 2022

Niente capelli sciolti per le automobiliste cinesi

Un manuale di guida in distribuzione a tutte le famiglie di Shanghai consiglia alle donne di non guidare con i capelli sciolti e i tacchi alti. Né di usare profumi.


La notizia del manuale sta facendo scalpore sul web per l'impostazione sessista data dalla municipalità di Shanghai. Sebbene le donne facciano meno incidenti degli uomini, il manuale contiene una sezione di consigli per le automobiliste ma non per l'altra metà del cielo.


(Due illustrazioni pubblicati sul manuale di guida diramato dal Municipal Government di Shanghai)

Ed ecco alcuni consigli riportati dal portale Sixth Tone:

  • Non guidare con le chiome al vento: i capelli lunghi sono belli, ma “impediscono alle donne che guidano di vedere l'arrivo dei veicoli da entrambi i lati. Nei casi di emergenza, laddove il guidatore ha bisogno di girarsi, i capelli lunghi non solo bloccheranno la sua visuale, ma si potrebbero anche impigliare ai sedili e allo sterzo”.
  • Non usare scarpe con tacchi superiori ai quattro centimetri: le donne potrebbero avere problemi nella gestione di freno e acceleratore
  • non utilizzare profumi per la macchina: potrebbero causare un'esplosione
  • non appendere ninnoli allo specchietto retrovisore

Ad avere assunto posizioni sessiste in tema di guida anche altre province della Cina: a Kunming sono stati istituiti  parcheggi “rosa” più ampi del normale; a Jiangsu, durante la giornata della donna, la polizia ha raccomandato di “non telefonare, non scrivere sullo smartphone, non truccarsi e persino di non essere di malumore! Lo stato d'animo influirà infatti sul rendimento della guida…” Donne al volante, pregiudizio costante…

- Advertising -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
7,587FollowerSegui
2,734FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteIl Natale dei 100 alberi d’autore
Articolo successivoIconic