8 Febbraio 2023

Aveda Partner di Altaroma per Hair & Makeup

di Wilma Sommariva

Dal 6 al 9 luglio, al Guido Reni District di Roma, Aveda è stata protagonista nei backstage delle sfilate, per affermati stilisti e designer emergenti.


Si è appena conclusa l’edizione Luglio 2017 di Altaroma, l’appuntamento 
propulsore dell’Haute Couture italiana che ha visto protagonisti non solo la moda, ma anche il cinema, la musica e, più in generale, l’arte e la bellezza. E Altaroma ha confermato la partnership con Aveda per Hair & Makeup.

Un legame che si è consolidato nelle ultime tre edizioni della manifestazione, dato il comune intento delle due realtà di formare e valorizzare i giovani talenti. Lo styling delle modelle per gli eventi della sezione Fashion Hub della manifestazione, infatti, è stato curato non soltanto da stilisti Aveda affermati, ma anche da giovani talenti della coiffure, coordinati da Cristiano Leuzzi, direttore artistico del Salone e Accademia Aveda Passion 4 Fashion.

Tra gli stitlisti di cui Aveda ha curato Hair & Makeup:

Morphisis

Per Morfosis, il brand finalista dell’edizione 2008 di “Who is on Next?” disegnato da Alessandra Cappiello, un look con focus sulla texture luminosa e brillante. I capelli sono tirati indietro, con effetto lucido. Il makeup? Rosa shocking effetto bagnato, con gloss luminoso sulle labbra.

Moi Multiple

Il marchio milanese, nato dalla creatività della designer Anna Francesca Ceccon e finalista dell’edizione 2008 di “Who is on Next?”, ha visto gli esperti Aveda realizzare una coda bassa con leggera contonatura, per modelle che indossavano foulard di seta come fazzoletto, turbante o fascia pinup. Il makeup a effetto nude aveva focus sulle ciglia, ispirate agli Anni Cinquanta.

Greta Boldini

Per il marchio della finalista di “Who is on Next?” 2013, il cui obiettivo è da sempre far risaltare la bellezza naturale delle modelle e degli abiti, è stata realizzata una pony tail con capelli adagiati sulle orecchie, e un makeup naturale e quasi invisibile.

“Who is on Next?”

Il progetto di fashion scouting dedicato ai giovani talenti della moda, ideato e realizzato da Altaroma in collaborazione con Vogue Italia, che è giunto alla sua 13esima edizione, ha visto trionfare Act n°1, il brand fondato da Luca Lin e Galib Gasanov. Per le modelle, sono state scelte dagli stilisti makeup ed hairstyles naturali, con le onde in primo piano. Non sono mancate le personalizzazioni all’interno dei singoli show per adattarsi al meglio alle differenti realizzazioni. Ecco così comparire stickers, corone di fiori, rossetti rossi o code flash.

I’m Isola Marras

Attesissima novità per questa edizione di Altaroma è stata la presentazione della collezione della linea di Efisio Rocco Marras, direttore creativo della linea e figlio di Antonio Marras. Capelli a effetto bagnato, con onde o intrecci molto naturali e una parola chiave: texture. Per il makeup, una base leggera e luminosa e un tocco di glitter sotto agli occhi.

Sylvio Giardina

Coda bassa semplice ed elegante e perle tra i capelli per lo stilista italiano nato e vissuto a Parigi, che ha nel DNA moda e arte. Il makeup? Essenziale e raffinato, con l’incarnato in primo piano.

Erkan Çoruh

Il vincitore dell’edizione 2010 di “Who is on Next?” ha visto realizzare gli hairstylist Aveda un lokk effetto bagnato, con una chiara ispirazione agli Anni Trenta.

Ecco l’elenco dei saloni Aveda coinvolti per la realizzazione dell’Hair & Makeup styling delle modelle di Altaroma Luglio 2017: Passion 4 Fashion, H&B Salon, Cinzia Parrucchieri, Massimo Ceragioli Coiffure, Vertigine Hairdresser, Biagio Parrucchieri, Polvere di stelle Parrucchieri, Tonio & Gina Parrucchieri, Pietro Santini, Bell'essere Evoluzione, Numa Massimo Di Luca, Salone Mad

- Advertising -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
7,673FollowerSegui
2,726FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteArte e Capelli
Articolo successivoLa barba secondo Philippe Briclot