Paradise

Teste in grado di unire in sé linguaggi differenti, ma anche di dare una forma all’aspetto interiore di ogni donna.


Hairlook in grado di valorizzare la figura esteriore, ma anche l’interiorità di ciascuna donna, per la collezione prêt-à-porter di Paradise per la primavera-estate 2017. “Perché i capelli anche se non hanno voce, parlano” spiega l’Art Director di Kultò hair Academy Giusy D’Onghia “mi piace l’idea che con Paradise, ogni uomo e donna possa realmente sentirsi in paradiso e toccare l’espressione massima del compiacimento individuale.”

La collezione richiama immagini e nomi della tradizione giapponese. “Nanami” è una delle sperimentazioni più riuscite in quanto rappresenta il perfetto connubio di texture liscia, in pieno stile Japan, con degli inusuali accostamenti afro.

In “Yoshiko” convivono due strutture di taglio: un bob nella base inferiore e delle ciocche allungate nell’area superiore.

E poi c’è il semi raccolto di “Kahori”, interprete delle esigenze di una donna che non ama raccogliere i capelli, ma che, al contempo, non vuole rinunciare ad essere elegante.

Credits
Hair: Kultò hair Academy
Photo: Dino Frittoli

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articolo precedenteLucid Love
Articolo successivoDuca’s crea i nuovi look di Grease
\>").insertAfter("blockquote.instagram-media");});