Fabio Rossello

Il presidente di Cosmetica Italia ripercorre con estetica.it i traguardi strategici del suo secondo mandato.


Presidente Rossello, quali sono gli engagement che hanno orientato le aziende in questi ultimi anni?

Da qualche anno osserviamo una propensione del consumatore verso la multicanalità con dinamiche disomogenee all’interno dei diversi canali. Le aziende stanno mettendo a punto strategie adatte a canali contigui. Assistiamo, ad esempio, ad azioni specifiche legate all’eCommerce che dilatano la specializzazione in canali come la farmacia e l’erboristeria,
oppure a importanti modificazioni sia da parte del consumatore sia dell’impresa per quanto riguarda la profumeria.

Il rallentato trend dei consumi non ha però aiutato acconciatori ed estetiste…

La crisi che stanno attraversando i saloni di acconciatura e i centri di estetica porterà a delle modificazioni strutturali della distribuzione e del servizio, un fenomeno già in atto in alcuni casi virtuosi. Le aziende che si rivolgono a questi canali affiancheranno sempre più i professionisti per intercettare al meglio quei consumatori consapevoli della qualità del canale, ma distratti dalla congiuntura negativa.

Il 2016 rappresenta per lei una tappa importante come presidente dell’associazione…

Con l’Assemblea dei soci dello scorso giugno, si è aperto l’ultimo anno del mio secondo mandato. Saranno mesi cruciali, non solo perché chiuderanno la mia esperienza alla guida di Cosmetica Italia, ma soprattutto perché ci avviciniamo ai 50 anni dell’associazione.
Tra i progetti che hanno caratterizzato la mia presidenza, ci sono le attività legate alla reputazione del comparto: un percorso per incrementare la qualità percepita del nostro settore non solo internamente, ma anche dal mondo esterno, quello popolato dai principali stakeholder. Basti pensare a Expo Milano 2015: Cosmetica Italia, accanto a BolognaFiere, ha partecipato da protagonista al più grande evento per l’Italia degli ultimi trent’anni, cogliendo l’occasione per compiere una ‘rivoluzione culturale’ dalla quale abbiamo ricavato idee nuove, convinzioni più solide per il futuro e rinsaldato la voglia e la volontà di fare impresa.

Come valuta la partnership con Cosmoprof?

È un caso di eccellenza in cui industria e sistema fieristico portano nel mondo la competitività del cosmetico made in Italy. Da Bologna a Las Vegas e Hong Kong (che ospitano rispettivamente la declinazione nordamericana e asiatica della fiera), Cosmetica Italia e Cosmoprof si fanno promotori di un settore che continua a investire in innovazione, ricerca e sviluppo circa il doppio della media nazionale. Per quanto riguarda il canale acconciatura, Cosmoprof resta un appuntamento da non perdere: basti pensare che a Bologna circa il 60% dei visitatori è orientato proprio ai canali professionali. In autunno, la collaborazione con Cosmoprof per l’acconciatura si è estesa oltre i confini bolognesi per toccare la Fiera del Levante e l’edizione milanese di On Hair che si è appena concluso il 24 ottobre scorso.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Barex Italiana lancia Joc Care: 100% Vegan

Una linea consapevole che si fa stile di vita. Joc Care di Barex Italiana unisce la bellezza al consumo autentico e socialmente...

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,831FansMi piace
239,694FollowerSegui
5,408FollowerSegui
2,805FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteRoom.6
Articolo successivoDa Takara Belmont arriva Epiphany