23 Giugno 2024

Guida all’eco pack

Non sono ancora molte le aziende che, per i propri prodotti, scelgono contenitori rispettosi dell’ambiente. Anche nella coiffure. Ma chi lo fa, lo fa con impegno.


Parlare di packaging “green”, “eco-friendly”, “sostenibile”… è molto interessante ma non altrettanto facile. E non solo perché si tratta di affrontare il tema del rispetto dell’ambiente, ma anche perché significa entrare in un universo articolato, vastissimo e dalle connotazioni prevalentemente scientifiche.

In pratica dobbiamo parlare soprattutto di plastica, ma non di quella che si è temuto soffocasse il Pianeta a causa del suo tempo di degradazione quasi inimmaginabile (dai 100 ai 1000 anni per una bottiglia o un sacchetto). Noi dobbiamo parlare delle “nuove” plastiche, quelle che alcune “virtuose” aziende della coiffure professionale utilizzano per contenere i prodotti usati dal parrucchiere e, di conseguenza, dalla donna a casa.

È utile in questo senso sapere che la ricerca del miglior materiale plastico possibile – flessibile alle esigenze industriali ma anche biodegradabile – ha portato a sviluppare due grandi correnti.

Un’idea è stata quella di “imitare la natura” cercando di replicare macromolecole già esistenti (perlopiù derivate da amido e zucchero), verificando la possibilità di una loro lavorazione tramite speciali polimeri per ottenere una sostanza plastico-simile utilizzabile per gli stessi scopi ai quali viene dedicata la plastica tradizionale proveniente per gran parte dal petrolio (polietilene, polistirolo, polivinile, eccetera).

Un secondo filone di ricerca ha indirizzato i propri sforzi verso l’utilizzo di speciali additivi in grado di stimolare la trasformazione della plastica tradizionale in CO2 e acqua se aggiunti in minima misura e in determinate condizioni operative.

In entrambi i casi si ottengono quelle che vengono definite bioplastiche: a differenziarle è il tempo di biodegradabilità, più veloce per le prime, un po’ meno per le seconde.

Per facilitarne la comprensione, abbiamo predisposto un glossario che spiega le parole specialistiche e le sigle citate dai vari brand per illustrare i propri 
pack green.

Glossario

PCR: materiale plastico riciclato post-consumo.
PCR HDPE: polietilene ad alta densità riciclato post-consumo.
PET: polietilene tereftalato o polietilentereftalato, della famiglia dei poliesteri.
PVC: cloruro di polivinile, una delle plastiche tradizionali più utilizzate al mondo.
PP: polipropilene, della famiglia delle termoplastiche, può essere rilavorato ed essere riciclato tre volte.
PETG: materiale di recente introduzione, è utilizzato per le sue proprietà di trasparenza, alimentarietà, elevata resistenza all'urto.
ABS: mescolanza tra una resina e un elastomero, deve il suo successo alle ottime proprietà tecniche; facilmente riciclabile se non contaminato da altre plastiche non compatibili.
Riciclo: il materiale/oggetto di precedenti processi produttivi viene trasformato per nuovi utilizzi.
Riutilizzo: il materiale/oggetto di precedenti processi produttivi è riutilizzato senza subire alcuna trasformazione.
Plastica compostabile: plastica che biodegrada alle condizioni e nei tempi di un ciclo di compostaggio.
Bioplastiche Biopolimeri: polimeri preparati attraverso processi biologici che conferiscono al prodotto finale un’elevata e veloce biodegradabilità.
Bioplastiche Plastiche addittivate: principalmente con ECM MasterBatchPelletsTM, tecnologia che – aggiunta nei normali processi produttivi- rende i materiali plastici aggredibili dai microorganismi normalmente presenti in natura, i quali li metabolizzano trasformandoli in acqua, anidride carbonica e biomassa, in tempi inferiori del 95-99% rispetto ai normali tempi di degradazione della plastica.

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

VIDEO HBF – 19/06/24 | WEBINAR: INTELLIGENZA ARTIFICIALE APPLICATA AI SALONI con LUCA PISSIMIGLIA

HAIR BUSINESS FORUM, il nuovo format “manageriale” studiato per i parrucchieri da Estetica Hair, lancia il suo primo webinar dedicato all’intelligenza artificiale nei saloni. Insieme...

Extension versatili e perfette per i look delle celeb: intervista ad Andrea Soriga

Lunghi lunghissimi, colorati o folti come criniere. I look che si possono realizzare con le extension sono tanti e diversissimi. Ecco perché sono molto...

Intervista a Jordi Trilles: “Mettiamo il parrucchiere in prima linea in tutte le decisioni”

Abbiamo parlato con Jordi Trilles, Direttore Generale Regionale Sud Europa di Revlon Professional Brands, tre anni dopo l'adesione al marchio. Jordi Trilles, tre anni in Revlon Professional…...
Articolo precedente
Articolo successivo
Pubblicità
Pubblicità