19 Settembre 2021

Backstage di X Factor. Con Marco Montanari

Il terzo live dello show televisivo ha visto l’eliminazione di Eleonora. Gli hairlook? Grintosi e audaci.


Da X Factor e Italia’s Got Talent alle sfilate di Dolce&Gabbana, Prada e Jean Paul Gaultier, fino alle celebrities di calibro internazionale come Lady Gaga, Rihanna e Bono degli U2. Il team di Orea Malià, capitanato da Marco Montanari, non perde un colpo.

Intuitivo, precursore e – è quasi riduttivo dirlo – appassionato, Marco proponeva alle sue clienti i sidecut già all’inizio degli anni ‘90. L’hairstylist ha lavorato a Parigi per 10 anni, ora è in Italia da 16. Il suo primo look tra i personaggi famosi italiani? Quello – anzi quelli perché ne ha sfoggiati parecchi – di Antonella Ruggiero a Sanremo. Lo abbiamo incontrato nel backstage di X Factor, ecco cosa ci ha raccontato.

I tre aggettivi con i quali ti descriveresti?
Creativo, Intuitivo e Ascoltatore. Mi piace ascoltare e condividere. Solitamente, prima di realizzare un look, cerco di capire l’effetto che il/la cliente vuole ottenere. Cerco di interpretare e dare forma, con dettagli e finiture, al suo desiderio.

Cos’è per te la coiffure?
Il nostro ambiente è come un aeroporto di comunicazione, fatto di viaggiatori consapevoli o inconsapevoli, fonte di una grande creatività.

Quali sono le fonti di ispirazione per il tuo lavoro?
Studio con la curiosità. Sono come una spugna che assorbe tutto: dall’arte al romanzo realistico e alle biografie, fino alle belle case e alle riviste di moda. E poi ovviamente ci sono le persone comuni. Uno slogan di Orea Malià in cui credo molto è il seguente: “La moda nasce in periferia e muore in città”. Le persone di periferie sono, infatti, i diamanti grezzi. Tolto il brutto che c’è intorno a loro iniziano a splendere.

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?
Mi piace il lavoro in salone perché non è programmato. Bastano due battute per far rilassare il cliente e anch’io riesco a fruire della leggerezza di questo ambiente. Questo mi permette lo scambio continuo. E poi, vedere il sorriso di una cliente soddisfatta non ha prezzo. Adoro rendere felici le persone con quello che faccio.

Il tuo sogno nel cassetto?
Penso di aver già avuto tantissime opportunità nella mia vita, che mi hanno permesso di diventare un parrucchiere a 360°. È incredibile pensare a quanto si instauri una relazione intima con le persone, grazie al mio lavoro. In effetti, sono l’unico che può andare nell’intimità di una stanza o di una toilette…

Dove si ha il piacere di incontrarti in questo periodo?
Quando posso lavoro in salone, ma in questo periodo sono molto impegnato anche da show televisivi. Sto seguendo in toto gli hairlook di X Factor. In concomitanza, anche Italia’s Got Talent, tra cui c’è Nina Zilli, in veste di giudice, insieme a Luciana Littizzetto, Claudio Bisio Frank Matano. Seguo Nina Zilli da moltissimi anni e mi trovo molto bene con lei perché le piace sperimentare e giocare con il suo aspetto, al contrario di molte altre celebrities italiane che hanno paura del cambiamento. Credo lei sia un punto di riferimento per l’immagine in Italia. Un altro a cui piace sperimentare è Mika, ogni settimana nel suo hairlook c’è un dettaglio diverso.

Quale il tuo rapporto con X Factor?
È un ambiente in cui mi trovo perfettamente a mio agio, fatto di musica e creatività. E poi lavorare con Luca Tommassini per me è un privilegio enorme, perché lui è un visionario.

L’iter del programma?
Dopo aver scelto le canzoni, Luca Tommassini pensa alla scenografia. Poi gli abiti e le acconciature viaggiano insieme. Il mercoledì, la giornata prima del live, si fanno le prove generali per vedere l’effetto a video.

I look di questa settimana?
Tra i look di questa settimana ce ne sono due particolarmente grintosi: quello di Elisa dei Moseek e quello di Francesca dei Landlord. Elisa era vestita da uomo, quindi ho pensato a un hairlook mezzo uomo e mezzo donna ispirato agli anni ‘30: una parte della chioma era super tirata, dall’altra parte – con un torchon- abbiamo disegnato una frangia che sembrava un cappellino. A Francesca abbiamo realizzato un’acconciatura romantica con tre trecce: due laterali, molto tirate e super lucide, e una centrale con texture opaca, che sembrava una cresta. Un look fantasy da Trono di Spade.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
6,819FollowerSegui
2,812FollowerSegui

Ultime novità