27 Febbraio 2024

Guillaume, il creatore insaziabile

Pubblicità

Un uomo talentuoso e visionario, Guillaume Guglielmi è una delle figure chiave per capire l’evoluzione della coiffure nel 20° secolo.


Guillaume Guglielmi (1903-1989) non fu solo uno dei più grandi creatori di tendenze del secolo scorso, ma anche uno scultore di talento, un artista visionario e un generoso mecenate. Guillaume nacque in Corsica, come Napoleone, ed era un uomo dalla forte personalità e di grande carattere, che lasciò la sua impronta a Parigi. Dopo la formazione in design industriale, fu attratto dal mondo dell’hairdressing e presto ne imparò le tecniche, grazie alla sua passione e alla sua creatività.

Nel 1928 si trasferì a Parigi, dove vinse un campionato di acconciature con permanente e incontrò René Rambaud (una vera celebrità a quei tempi). Allo stesso tempo, frequentò dei corsi, diventando tutor e insegnante della professione di parrucchiere. Nel corso della sua vita, Guillaume educò migliaia di acconciatori: “Il futuro appartiene ai giovani, dobbiamo capirli se vogliamo avere a che fare con il futuro della nostra professione”. Nel 1932, quando non aveva neanche 30 anni, fu assunto da Elizabeth Arden per aprire dei saloni negli Stati Uniti. Nel 1936 si stabilì in Avenue Matignon, al n°5, a Parigi, aprendo un salone che sarebbe diventato il “rendez-vous” di tutta la città.

I tagli e lo stile di Guillaume hanno segnato un’epoca, traducendo lo spirito della moda in acconciature. Nel 1936 creò il Pageboy Hairstyle, nel ’47 presentò il New Look da pubblicare per Christian Dior, nel ’49 lanciò la collezione Syncopee, una sublime combinazione di capelli corti e lunghi in un’armonia di colori. Con la sua collezione “F” (1954), ideò i primi tagli geometrici in Francia. È in questo periodo, inoltre, che disegnò migliaia di modelli per la Haute Couture di Parigi. Nel 1963 creò la sua famosa acconciatura Lionne per il noto pittore Léonor Fini. La collezione Vivante, nel 1972, fu l’ultima. Chiuse poi il suo “salotto” e si dedicò completamente alla scultura e alla pittura.

Molte delle collezioni di Guillaume sono esposte in un piccolo museo all’interno della sede parigina di Intercoiffure Mondial: qui si può vedere quanto l’hairstylist dedicò tutta la sua vita all’insegnamento, volendo trasmettere il suo viaggio alle future generazioni. Nel 1982, Intercoiffure Mondial ha creato la Fondazione Guillaume: un luogo in cui sono stati formati migliai di giovani parrucchieri di tutto il mondo.

Credits
Il Museo della Storia dell’Acconciatura di Raffel Pages
www.museumraffelpages.com

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

Schwarzkopf Professional protagonista alla Milano Fashion Week per Alberta Ferretti

Anche quest’anno le giornate di moda milanese, in programma dal 20 al 26 febbraio, hanno visto nuovamente protagonista Schwarzkopf Professional. Il 21 febbraio la Fashion...

Icing Haircoloring: l’arte innovativa dei capelli

Questa è la storia dietro la nuova, impressionante tecnica Icing Haircoloring, il metodo di colorazione rivoluzionario di Hairspression. Ma cos’è la tecnica Icing Haircoloring? Bene, cominciamo...

Milano Fashion week 2024-2025: 5 hairlook di ispirazione

La fashion week per la stagione AI 2024-2025 è in scena sulle passerelle di Milano. Ecco 5 hairlook cui ispirarsi, selezionati dalla nostra redazione. Dopo...
Articolo precedente
Articolo successivo
Pubblicità
Pubblicità