The Street Hair Music Tattoo

Tecnica e qualità non bastano più, il salone diventa un centro di creatività multiforme.


Il salone come esperienza olistica è il nuovo traguardo: per accontentare il cliente, per trovare nuovi margini di business. È iniziata l'era del Salone Off. Si ispira ai linguaggi della strada, il salone The Street Haim Music Tattoo propone un intenso programma di attività collaterali alla coiffure.

The Street Hair Music Tattoo: creatività multiforme
Declinare la creatività secondo i linguaggi della strada. È questo il progetto di The Street Hair Music Tattoo, aperto a Poggibonsi (in provincia di Siena), dove Stephàn Vi, titolare del negozio, ha avviato un intenso programma di attività collaterali alla coiffure. “Faccio il parrucchiere da undici anni, ma sono anche un dj e suono la batteria” spiega. “Ho vissuto quattro anni a Londra, poi a Berlino e in altre città europee e da questi Paesi ho imparato a sperimentare, a intraprendere sempre nuove strade, a unire passione e professione. Ecco perché, un anno e mezzo fa, è nato il progetto capelli-arte-musica”.

Il salone è stato concepito come uno spazio di 130 metri quadrati dall'arredo minimal che, all'occorrenza, si trasforma in una location polivalente. Durante il giorno, una volta al mese, giovani pittori hanno l'occasione di dipingere direttamente in salone ed esporre i propri quadri nello spazio mostre. Il martedì, in concomitanza con il mercato cittadino, si organizzano mercatini vintage che ospitano esperti d'antiquariato, animati con musica ad hoc. Di sera le poltrone si spostano facilmente per fare spazio a una sala dove la gente può ballare, assistere a un concerto, vedere un film.

E dallo scorso ottobre si è aggiunto anche lo studio tattoo. “Uno spazio di 23 metri quadrati gestito da Jessica Colombo, il primo negozio tattoo di Poggibonsi, una novità per la nostra città” spiega Stephàn. “Non solo, due giorni a settimana ci piacerebbe ospitare tatuatori esperti nei vari generi: old school, ritratti, tribali, maori…”. Il concetto di contaminazione e scambio non esclude la coiffure: “Abbiamo un progetto in fieri anche per il salone, dove ospiteremo le performance di acconciatori provenienti da altri Paesi.

Un progetto che amplierà i nostri orizzonti e di conseguenza la clientela”. Tutto questo dinamismo ha portato buoni risultati anche dal punto di vista del business: “Gli eventi attirano persone nuove e, se da una parte creano un grande ritorno di immagine, dall'altro aiutano a fare cassetto. Una cliente che racconta alle amiche che in salone c'è un artista che si esibisce, o che una certa sera c'è un concerto live, fa un'indiscussa pubblicità al negozio. Sono iniziative che richiedono grandi investimenti e soprattutto tempo per essere apprezzati e riconosciuti dalla gente, ma riusciamo a sostenerli perché destiniamo agli eventi il budget che di solito si riserva alla comunicazione pubblicitaria. Abbiamo scelto di comunicare proprio tramite queste iniziative, la pagina Facebook e tra un po' attraverso il nuovo sito web, che avrà anche la prenotazione online”.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Barex Italiana lancia Joc Care: 100% Vegan

Una linea consapevole che si fa stile di vita. Joc Care di Barex Italiana unisce la bellezza al consumo autentico e socialmente...

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,831FansMi piace
239,694FollowerSegui
5,403FollowerSegui
2,804FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteMatte Wax
Articolo successivoNow online: amabeleza.com.br