8 Dicembre 2022

Catwalk by Tigi alle sfilate di New York

Dalla mano di Nick Irwin un look strong per sirene metropolitane con trecce che strizzano l'occhio a un medioevo del futuro.


L'ispirazione coiffure per la sfilata di Maria Ke Fisherman arriva dalla forza dell'innocenza e della giovinezza nelle città frenetiche di oggi. Da questa idea nasce il look molto strong che Nick Irwin, global creative director Catwalk by Tigi, ha pensato per completare gli outfit in passerella.

In una città sovraffollata dove le bande criminali dettano legge, una giovane ragazza può essere salvata solo dall'ultimo cavaliere. Con questa immagine in mente, Nick Irwin ha realizzato delle trecce molto particolari che ben si adattano alla donna definita da Maria Ke Fisherman.

Per realizzare il look, iniziare isolando una fascia di capelli centrali dalla radice alle punte. Intrecciare questa sezione con la tecnica a spiga di grano fino alla nuca, per poi proseguire con le tre ciocche fino alle punte. Legarla con un elastico e annodarla su se stessa. Le fasce laterali andranno a costituire altre due trecce. Lavorarle con uno spray per ottenere un effetto lucido e senza imperfezioni. Legare la base di ciascuna sezione vicino all'orecchio con un elastico e intrecciare fino al fondo.

La parte di capelli sul retro del capo va divisa in quattro sezioni triangolari da intrecciare a spiga di grano e poi con le tre ciocche per tutta la lunghezza. Una volta legate con gli elastici, annodare le quattro trecce su loro stesse creando una composizione a seconda della lunghezza dei capelli. Il look va poi rifinito con un tocco di spray lucidante.

Credits Photos: Getty Images

- Advertising -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
7,589FollowerSegui
2,734FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteDistraidos
Articolo successivoParlux goes to Tokyo