25 Giugno 2024

Da Parigi “La voglia di cambiare”

Spesso la scelta di andare a lavorare all’estero è la naturale conseguenza del desiderio giovanile di allargare i propri orizzonti. Così è accaduto a Michael Marenco.


Partito da Rivalta Bormida, in provincia di Alessandria, è approdato a Parigi, passando prima da Milano, Roma, Londra, Miami e Dubai. Un bel “tour” mondiale che oggi lo porta così a motivare quella scelta: “Ho deciso di lasciare l’Italia poiché avevo capito che nel mio Paese le mie capacità professionali, le opportunità e anche i guadagni non si sarebbero sviluppati più di tanto. Quindi ho pensato che, prima di perdere l’amore per il mio lavoro, sarebbe stato meglio cambiare salone, città e anche Stato. Questa è stata la mia filosofia, da sempre. E a chi vuole fare questo mestiere consiglio di misurarsi con le realtà straniere, di avere coraggio, di essere perseveranti e, soprattutto, come dicono gli inglesi ‘be focused’: puntare all’obiettivo, senza distrazioni”.

Naturalmente è indispensabile imparare le lingue, ma questo è solo l'inizio: “Certo, ai ragazzi consiglio di imparare bene l’inglese, ma anche il francese” ci racconta Michael. “E poi di saper esaltare il savoir-faire italiano che, a prescindere dalla nostra bravura, ci pone un gradino più in alto rispetto agli altri. Non ultimo, di mantenersi sempre ‘open-minded’: scegliere l’estero significa imparare nuovi codici culturali e di comportamento e questo è sempre positivo”. E quali sono in genere i ritorni di questo investimento umano e professionale? Michael Marenco non ha dubbi: “Maggiore facilità a ricoprire posti di responsabilità, più lavoro in team e meno da ‘prima donna’, che dà la possibilità di crescere tecnicamente, volume di lavoro più elevato e, di conseguenza, più guadagni”.

Ostacoli? “L’unico ostacolo siamo noi stessi! Dobbiamo essere abili a cambiare mentalità. Essere più elastici per affrontare una diversa burocrazia, una nuova lingua e una cultura che ci è estranea. E poi, non dobbiamo temere la nostalgia: i mezzi per comunicare con la famiglia ci sono. Quindi, consiglio a tutti di partire e andare lontano, essere ricettivi e positivi. Senza mai perdere il sorriso, quello sì tipico italiano!”.

www.michaelmarenco.com


Perchè lavorare all'estero?
Il Talk show Hair4Export al Cosmoprof di Bologna. By Estetica

• Le opinioni di…

 

• Le storie di…

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

0FollowerSegui
0FollowerSegui
0FollowerSegui

Ultime Novità

VIDEO HBF – 19/06/24 | WEBINAR: INTELLIGENZA ARTIFICIALE APPLICATA AI SALONI con LUCA PISSIMIGLIA

HAIR BUSINESS FORUM, il nuovo format “manageriale” studiato per i parrucchieri da Estetica Hair, lancia il suo primo webinar dedicato all’intelligenza artificiale nei saloni. Insieme...

Extension versatili e perfette per i look delle celeb: intervista ad Andrea Soriga

Lunghi lunghissimi, colorati o folti come criniere. I look che si possono realizzare con le extension sono tanti e diversissimi. Ecco perché sono molto...

Intervista a Jordi Trilles: “Mettiamo il parrucchiere in prima linea in tutte le decisioni”

Abbiamo parlato con Jordi Trilles, Direttore Generale Regionale Sud Europa di Revlon Professional Brands, tre anni dopo l'adesione al marchio. Jordi Trilles, tre anni in Revlon Professional…...
Articolo precedente
Articolo successivo
Pubblicità
Pubblicità