26 Settembre 2021

CIAO ALDO…

Aldo Coppola, il grande Maestro della coiffure mondiale, è mancato. Lottava da anni contro la malattia. Con lui se ne va l'icona della moda.


Aldo ha scritto la storia dell'acconciatura e ha fatto dell'eleganza, della creatività, dell'inventiva la sua cifra distintiva. Ha saputo rendere affascinanti le donne ed è stato il guru della bellezza di grandi nomi dello Star System internazionale.
Estetica gli rende omaggio, ricordandolo attraverso il suo lavoro: immagini, show, interviste… Un omaggio che inizia ora e continuerà tutta la giornata, aperto a tutti…

A Estetica, nel 2011 Aldo si era raccontato a tutto tondo. Tra lavoro e vita privata. Vi riproponiamo quell'intervista.

I funerali sabato 23 novembre a Milano, nella chiesa Santa Maria delle Grazie, alle ore 11.

In questa pagina pubblicheremo per tutta la giornata immagini, ricordi, video, per un tributo no stop. Lasciate al fondo il vostro omaggio.


Aldo Coppola

Aldo Coppola si racconta

Un pregio e un difetto di Aldo Coppola.
Voglio bene al mio prossimo e, nel lavoro, desidero aiutare chi mi circonda a crescere professionalmente e sotto il profilo personale. Per questo sento una grande affinità con Trevor Sorbie: anche lui “si dà” senza risparmiarsi, trasmettendo tutto ciò che sa. In quanto al difetto, vedo con chiarezza e anche con un certo anticipo ciò che in una situazione non funziona e non potrà funzionare. Il che a molti non piace.

Il talento è tutto?
È un dono di natura. Poi ci vuole tenacia, capacità di autocritica, coraggio di non sentirsi mai arrivati. Io ho sempre il cervello “che bolle”, e la paura di scendere dalla vetta non mi abbandona mai. Sentirsi arrivati significa essere finiti.

Cos’è il successo?
Apprendistato costante, impegno e passione.

Rimpianti?
Direi nessuno, sono contento delle scelte che ho fatto. Solo una cosa. Vorrei aver imparato qualche anno fa ad assaporare un panorama, un fiore, gli animali, le persone, con la sensibilità di oggi. Il mondo è così bello, ma bisogna saperlo leggere con gli occhi e con il cuore. E con la consapevolezza che un giorno lo si perderà.

Ieri, oggi. E domani?
Ah, non sono ancora soddisfatto. Voglio inventare qualcosa di nuovo. Chi dice che nel nostro lavoro è già stato fatto tutto sbaglia”.

>> vai all'intervista integrale

Aldo Coppola


Standing ovation per Aldo Coppola

Aldo Coppola ha fatto la sua ultima apparizione su un palco nel novembre del 2012. In occasione del mega evento organizzato da L'Oréal Professionnel che ospitava due big: Aldo Coppola e Jean-Luc Minetti. Come sempre Aldo ha saputo regalare emozioni e trasmettere contenuti con grande naturalezza. E al termine dello show i 4 mila parrucchieri presenti hanno dedicato ad Aldo una standing ovation, così calorosa da commuovere lo stilista.


L' “Andy Warhol dell'acconciatura”

Aldo Coppola era talento allo stato puro: una creatività versatile, poliedrica. Tanto che nel 2002, nel numero che inaugurava l'anno, Estetica gli dedicò una copertina rimasta ancora oggi un unicum: il volto emblematico e iconoclasta di Aldo secondo lo stile di Andy Warhol.

Leggiamo dall'editoriale di quel numero a firma del direttore Roberto Pissimiglia: “Il parallelo Andy Warhol-Aldo Coppola ci è sembrato assolutamente pertinente ed attuale. Se si parla di innovazione, di ricerca artistica, di sublimazione dell'immagine, di elaborazioni cromatiche, di scuola che ha generato un movimento, non c'è dubbio: Aldo Coppola è l''Andy Warhol dell'acconciatura mondiale'”.

Aldo Coppola


Adv & Fashion by Aldo

Dalla fine degli anni Settanta Aldo Coppola ha iniziato a collaborare per sfilate di moda, campagne pubblicitarie con grandi marchi come Giorgio Armani, Gianfranco Ferrè, Versace, Dior, Alberta Ferretti, Mila Schon, Chanel, Missoni, Valentino. E nel 1981 realizza, insieme alla figlia Monica, il progetto artistico Calendari Libri d'Arte Aldo Coppola L'Oréal che diventeranno un cult d'arte, moda e fotografia distribuiti in tutto il mondo. Attività che si intensifica negli anni Novanta. Nel 1990, infatti, realizza il Libro d'Arte Aldo Coppola L'Oréal con Carla Bruni e Xavier Vallhonrat, un omaggio alle donne. E per tutto il decennio lavora a queste produzioni con i migliori fotografi di moda: Oliviero Toscani, Fabrizi Ferri, Ferdinando Scianna…


Invenzioni alla… Leonardo

Di Aldo non vanno dimenticate le tante innovazioni – tecniche taglio/colore e accessori – che già a partire dalla metà degli anni Sessanta ha introdotto sul mercato. E che ancora oggi rappresentano un must.

1966 inventa il taglio a capelli asciutti con la tecnica dello scalato, eliminando la tradizionale asciugatura a bigodini e casco, divulgando nel mondo il primo hair style naturale.
1970 inventa il primo bigodino aspirale, per poter realizzare permanenti ad effetto semi naturale e utilizzabile anche per l’asciugatura.
1983 inventa la tecnica di taglio waves e asciugatura totalmente fatto a mano senza utilizzo di spazzole.
1990 inventa la nuova tecnica di taglio denominata crouchet, una nuova geometria che permette di realizzare tagli piu’ veloci e con volumi mai visti prima.
1990 perfeziona la sua philosophy per la cura del capello abbinata alle erbe naturali dell’henne’ , all’essenze-naturali e miscelata con olio d’oliva/yogurt…
1990 crea la nuova tecnica taglio denominata tourchion, un nuovo sistema innovativo di taglio scalato abbinato ad un nuovo sistema di tecnica colore chiamato sombrero per la sua forma. Lancia e inventa il metodo di colorazione innovativa da lui denominato shatush che ancora e’ sinonimo di tecnica colorazione innovativa e trendy.
2007 inventa la nuova colorazione denominata sombrero, un sistema di colorazione circolare per effetti discontinui. Distribuita in vari Paesi del mondo.
2010 inventa un nuovo sistema di taglio e colorazione denominato masai ispirandosi all’Africa . E stravolge ancora una volta i tradizionali metodi di taglio.


L'ultimo impegno: il nuovo salone a Milano

Il brand Aldo Coppola oggi significa 120 atelier Aldo Coppola nel mondo, 80 saloni a marchio Go Coppola, 2 accademie professionali, 20 linee di prodotti… Ma tra pochissimi giorni vedrà la luce quello che stato uno dei sogni di Aldo e suo ultimo impegno: l'inaugurazione il 9 dicembre a Milano, in corso Europa, del nuovo progetto “Aldo Coppola Kingdom of Beauty”. Un salone innovativo, diviso su tre piani: junior suite, suite, presidential suite. Oltre 1.000 metri quadrati di benessere.


L'ultima intervista….

Il 14 ottobre 2013 Aldo Coppola ha affidato quella che resterà come la sua ultima intervista a la Repubblica. Il quotidiano gli ha dedicato una pagina ripercorrendo tutta la sua carriera, iniziata a 13 anni. Una storia raccolta dal giornalista Francesco Merlo che non ha taciuto con Aldo anche i momenti più difficili degli ultimi mesi. “Ho spettinato le donne, sono vissuto nella bellezza, ora lotto per la mia vita” dice lo stilista.

E' un racconto senza pudori, senza barriere quello di Aldo che mette “a nudo” la malattia, il dolore, la fatica… Ma che non rinuncia alla risata, anche se faticosa, e arriva a dire: “Da quando sto male mi è tornata la creatività, vedo cose che prima non vedevo, ho ripreso a inventare tagli, forme, pettinature”. Poi ride e sembra che rida nel sentirsi ridere.


Grande emozione per la morte di Aldo

La morte di Aldo Coppola è rimbalzata da ieri mattina su tutti gli organi di informazione. Grande l'emozione, e non solo tra gli addetti ai lavori… D'altronde il nome di Aldo – e il suo talento – era legato a tanti universi: dalla moda alla fotografia, dalla coiffure al design.
I siti web stanno raccontando la sua storia, riproponendo immagini e ritratti con vip e e stilisti. I quotidiani oggi hanno dato ampio risalto alla triste notizia.

Nelle pagine nazionali, il Corriere della Sera ha titolato “Coppola, il parrucchiere-stilista. Alle donne diceva 'Spettinatevi'”. E ricorda le sue passioni: amava i cavalli, il vino e le auto vintage. L'articolo, firmato da Gian Luigi Paracchini, finisce così: “La sua gioia di vivere non è mai stata antagonista al lungo matrimonio con Franca, sposata quando lei aveva 17 anni e sempre al suo fianco fino alla fine assieme ai figli Aldino e Monica (suoi stretti collaboratori) e ai nipoti. Una volta gli hanno chiesto quale fosse la sua paura più grande. 'Morire troppo vecchi' è stata la risposta. Ma non s'è mai capito se scherzasse”.

Il quotidiano La Stampa ha invece titolato “Aldo Coppola, parrucchiere psicologo. E' morto il coiffeur più amato: di ogni donna capiva fragilità e punti di forza”. L'autrice dell'articolo, Egle Santolini, scrive: “La tradizione Coppola continua, con la figlia Monica e con un nipote adolescente che il patriarca ha benedetto professionalmente, 'Quel ragazzo ha le mie mani”.

Aldo Coppola

Aldo Coppola


L'ultimo saluto a Aldo

Erano davvero in tantissimi per l'ultimo abbraccio a Aldo Coppola. Collaboratori, amici, colleghi, vip… Tutti riuniti nella chiesa di Santa Maria delle Grazie, a Milano. Nell'omaggio, reso dai più vicini alla famiglia (la moglie Franca, i figli Aldo jr. e Monica, i nipoti), è stata ricordata la capacità di Aldo di “sorprendere”, sempre. In famiglia, con gli amici, in salone, sui palcoscenici di tutto il mondo, nei backstage delle grandi sfilate.

Ad accompagnare il feretro le note di Con te partirò che avevano fatto da filo conduttore anche del suo ultimo grande show a Torino nel novembre 2012. E poi petali rossi di rose e la polvere dorata, rossa… che Aldo amava usare nelle sue esibizioni. In un luccichio ininterrotto di brillantini che hanno ricoperto il sagrato della basilica.

Il Corriere della Sera ha dato spazio nelle sue pagine milanesi alla cerimonia, raccogliendo i ricordi dei tanti vip. Il fotografo Oliviero Toscani ha detto. “Ho perso un grane amico. Mi mancherà la sua risata. Ci sentivamo tutti i giorni, era davvero un bel tipo. Uno divertente”. E Simona Ventura: “Era un grande artista e ha creato una speranza per tanti ragazzi. Andavo da lui da anni. Oggi siamo venuti tutti”.


L'Ambrogino ricorda Aldo

Il settimanale Vanity Fair in edicola da mercoledi 27 novembre ha ricordato Aldo Coppola con un ritratto a mezza pagina e ha anticipato la prossima celebrazione tutta milanese.
Il noto riconoscimento L'Ambrogino ha infatti deciso di assegnare ad Aldo Coppola la Medaglia d'oro alla memoria.
La celebrazione avverrà il 7 dicembre, da parte del sindaco Pisapia, appunto nel giorno di Sant'Ambrogio al Teatro del Verme.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
6,842FollowerSegui
2,812FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteTony Rizzo per Movember
Articolo successivoPravana