19 Settembre 2021

Orgoglio riccio con Redken

Già al primo appuntamento ha registrato un buon successo. Stiamo parlando della nuova formula formativa proposta da Redken.


Il 18 maggio, infatti, presso l’Accademia L’Oréal di Roma, Redken ha organizzato la prima classe di formazione gratuita dedicata alle donne ricce. Un’idea che è stata elaborata dopo il grande successo del curly pride, primo raduno nazionale delle donne ricce tenutosi a Roma lo scorso ottobre e dove Redken è intervenuta mettendo a disposizione delle partecipanti alcuni tra i suoi migliori hairstylist.

Per questa occasione è stata Redken ad aprire le porte della storica Accademia L’Oréal di piazza Mignanelli, invitando un team di hairstylist esperti ad aiutare le partecipanti a gestire i capelli più mossi e ribelli ed ottenere ricci perfetti anche a casa.

I due formatori Redken Artist – Stefano Santoro e Mimmo Durante – hanno prima di tutto individuato con le partecipanti le principali difficoltà nella gestione dai capelli ricci:

  • “Li liscio perché non riesco a gestire l’umidità e il crespo”
  • “Non li taglio perché il parrucchiere non sa tagliare i ricci”
  • “Meglio asciugarli da me che fare la piega”
  • “Non trovo prodotti adatti a farmi avere dei riccioli belli, definiti e morbidi”

Una volta individuate le difficoltà e identificate le aspettative delle partecipanti, Stefano Santoro e Mimmo Durante hanno “svelato” i segreti di uno styling adeguato per capelli ricci, eseguendo su alcune volontarie taglio e piega personalizzati.

Stefano Santoro, Redken Artist dalla vocazione internazionale, spiega: “Per troppo tempo i capelli ricci sono stati trattati come quelli lisci. Il primo segreto per un bel riccio è ribaltare questo approccio e tagliare rispettando la curva del boccolo. Il secondo segreto è il gioco di sovrapposizioni, capelli più corti si sovrappongono a capelli lunghi per dare più fluidità alla forma. Immancabili l’effetto volume, massimo sulla parte alta della testa, e l’irresistibile effetto scalato che mantiene le lunghezze”.

Tutti effetti che, suggerisce Stefano, si possono ottenere utilizzando 3 tecniche di taglio:

  • FLIP (in inglese significa capovolgere e si riferisce alla torsione che la mano compie durante il taglio) con cui si lavora sul ciuffo/frangia.
  • ACCELERATE, con cui si lavora per svuotare i volumi e ridimensionare l’effetto massa creando una forma allungata intorno al viso.
  • WHISPER (in inglese significa sussurro e il nome prende ispirazione dal movimento leggero della forbice sui capelli) ed è il passaggio chiave per evitare il crespo, mantenendo la massa vicino alla radice e definendo le lunghezze con giochi di trasparenza. Meno il riccio è pesante, maggiore è la definizione.

La formazione dedicata al riccio non si ferma qui, il prossimo appuntamento per la classe di formazione alle donne ricce è per mercoledi 19 giugno a Torino, all’Accademia l’Oréal.

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
6,820FollowerSegui
2,812FollowerSegui

Ultime novità