8 Febbraio 2023

The European Gathering

Work & Passion. Training & Charity. Sono gli ingredienti strategici della coiffure. E sono anche gli ingredienti vincenti della seconda edizione di The European Gathering, l’evento dell’anno organizzato da Paul Mitchell: 1.400 acconciatori, 22 paesi. Ancora una volta è stata scelta la location di Roma. E ancora una volta l’ineccepibile organizzazione italiana.

Si è parlato di business, colore, formazione. E si è toccata con mano la passione dei tanti acconciatori presenti, contagiati dallo stilista “icona” americano Robert Cromeans che si è esibito on stage, tra show e seminari. In pedana anche Angus Mitchell, Scott Cole, Linda Yodice, Stephanie Kocielski e Takashi Kitamura.

Si è parlato molto di colore, per trasformarlo in opportunità per aggirare la crisi offrendo prestazioni più veloci: colore per una sera, una settimana. Implementare i servizi più comuni per aumentare i guadagni di domani è stato il leit motiv dei seminari di Cromeans che ha messo a disposizione l’esperienza dei suoi saloni americani.

“Se il fatturato del mio salone nasce in gran parte dal servizio colore – ha detto – attrezzo anche lo spazio fisico in questa direzione, e il Color Bar diventa centrale”. Contemporaneamente, si alternavano seguitissimi focus di formazione cut, color & style.

All’evento erano presenti i vertici del brand: John Paul DeJoria, ceo e co-fondatore, e Corrado Marconi, direttore generale Italia.

Ha rassicurato Dejoria, in partenza per un servizio fotografico in Sudafrica che sarà al centro della prossima campagna internazionale: “La nostra azienda non è in vendita e non lo sarà neppure in futuro. Ho investito il mio capitale in un fondo fiduciario che durerà 360 anni: ne rimangono ancora 358”.

Impressionanti i dati education forniti: le scuole Paul Mitchell negli States sono 107 e licenziano ogni anno 20 mila nuovi hairstylist. On stage e in conference presse, ampio spazio anche alle iniziative di charity. Da quasi trent’anni il brand è impegnato su questo fronte.

“Ogni giorno, grazie ai nostri acconciatori – ha spiegato Dejoria – ci prendiamo cura di 8 mila orfani. Ma sono tanti i progetti che scartiamo ogni settimana: ci sono tante cause giuste, noi dobbiamo scegliere quelle alle quali ci sentiamo più vicini”. E ha concluso: “Nella vita un successo che non viene condiviso con gli altri è un fallimento”.

- Advertising -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,654FansMi piace
239,694FollowerSegui
7,673FollowerSegui
2,726FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteDynamic
Articolo successivoEsteticaHairTV Gold. The best of…