Tagliare i capelli da sola: perché NON è una buona idea

È un pensiero che forse è venuto a tante: per ritoccare una frangia o sistemare le lunghezze pari, perché non tagliare i capelli da sola? Perché alla fine i nodi vengono al pettine e la differenza con la mano del professionista si vede.


di Daniela Giambrone

Quando si tratta di capelli, la tentazione del fai da te a volte arriva. Quando manca il tempo o quando preferiamo risparmiare un po’, una delle exit strategy che si scelgono è quella di tagliare i capelli da sola, pensando che tanto un’accorciatina alle doppie punte o una sistemata alla frangia non è niente di che. E invece, solo dopo ci si rende conto che la differenza con una mano esperta si vede eccome: le lunghezze hanno strani movimenti, la frangia sta peggio di prima e con orecchie basse dobbiamo correre in salone. Ne abbiamo parlato con la hairdesigner Giusy D’Onghia, Art Director di Kultò hair academy.

Quanto spesso ti capita in salone di accogliere clienti che, dopo aver scelto di tagliare i capelli da sola, chiedono aiuto per riparare i danni? 

Mi capita spesso di dover correre ai ripari per capelli tagliati male, ma purtroppo, non soltanto per “fai da te”, ma anche per errori di parrucchieri superficiali o alle prime armi, che lavorano in casa, in modo da fare esperienza prima di aprire un salone, o che non hanno un metodo di lavoro e improvvisano tagli impossibili da realizzare per le loro capacità.

Quali sono i problemi più comuni dovuti al tagliare i capelli da sola?

I problemi possono essere di 2 tipi, estetici e strutturali:

  • Estetico: una frangia troppo corta o tagliata male, un’asimmetria non desiderata, un capello troppo scalato, un look non adatto allo stile o un capello troppo sfilato.
  • Strutturale: è un capello difficile da mettere in piega, un capello che non ha una forma, un capello che rimane schiacciato, un riccio che non dà volume, un taglio non adatto al volto o al tipo di capello.

Se un taglio è fatto male, la cliente ritorna a casa e si ritrova al primo shampoo a non saper gestire i capelli. Noi parrucchieri abbiamo il dovere di far sì che la cliente abbia la possibilità di essere sempre in ordine.

Quali sono le tecniche che utilizzi per correre ai ripari nei vari casi di corto, medio o lungo?

Avendo un’accademia di formazione, metto in pratica il metodo che insegno nei miei corsi che si chiama SOF, Scientifico, Organico e Fusion, ossia un insieme di regole infallibili.
Nei tre casi di capello corto, medio e lungo, le cose da fare sono le medesime: ricreare l’armonia sul viso, donare l’organicità giusta affinché i capelli assumano un effetto naturale, oltre a utilizzare gli strumenti di taglio giusti a ogni capello.

Rispetto alle colorazioni DIY, tagliare i capelli da sola fa più o meno danni?

Sicuramente l’errore di colorazione crea danni più importanti dal punto di vista della correzione, in quanto la struttura del capello subisce alterazioni gravi che non riescono a essere colmate con uno styling o con un prodotto, ma necessitano di cure intense e continue per ripristinare la struttura, questo fa sì che il cliente si ritrovi a investire tempo e denaro per risolvere il problema.

Haair: Giusy D’Onghia, Art Director di Kultò hair academy

Quali sono le motivazioni che porti per esortare le clienti ad affidarsi a un parrucchiere professionista?

Penso che la responsabilità molto spesso sia del parrucchiere non preparato o con poca esperienza, in quanto molti non hanno un metodo di taglio professionale, quindi il cliente non nota differenza nel trattamento stilistico. Perché la cliente deve pagare di più se ottiene un servizio a un costo più basso? Vorrei precisare che esistono 2 tipologie di metodi di taglio, a sensazione e scientifico. La differenza tra i due sistemi è che entrambi lavorano sullo stile e sulla creatività del parrucchiere, ma lo scientifico non lascia spazio a errori, in quanto utilizza scienze esatte, come la geometria, la biologia e l’anatomia,  in modo che i capelli assumano una forma organica, su ogni tipo di testa. È possibile progettare e realizzare qualsiasi taglio alla perfezione. Sicuramente un metodo scientifico è più difficile, in quanto richiede studio, allenamento e formazione continua.
Ritengo sia fondamentale una grande conoscenza della materia, dei capelli e utilizzare tutti i segreti per performare al meglio. La cliente sceglierà il professionista se noterà la differenza, nell’approccio, nell’esecuzione e nel risultato finale, altrimenti riterrà che tutti siano uguali e sceglierà il più conveniente. Suggerisco al parrucchiere di impreziosire il nostro lavoro con consigli di natura pratica, per esempio come lavare i capelli, o come asciugarli, questo altro non è che la motivazione per il quale le donne seguono i tutorial: non sanno come prendersi cura dei loro capelli, quindi aiutiamole!

Puoi raccontare un caso particolarmente significativo?

Circa 6 mesi fa è venuta  trovarmi una cliente da Parma, che taglia i capelli sempre e solo da me da circa 10 anni. Un evento improvviso l'ha portata a scegliere un parrucchiere nella sua città, scegliendo il top, ma purtroppo è stato deludente. Lei è una ragazza giovane, robusta, con tratti importanti e molto marcati, capelli ricci e non attentissima alla cura di sé. Immaginate un taglio al lobo dell’orecchio, completamente sfilato e per di più asimmetrico…oddio! È venuta da me per riparare il danno, quindi le ho consigliato di valorizzare l’asimmetria  per non accorciare ulteriormente i capelli, le ho sistemato la forma, per rendere il look più giusto al suo volto, consigliandole un trattamento idratante che disciplinasse i capelli  e uno styling per migliorarne l’aspetto finale.
Purtroppo, mi rincresce dirlo, ma siamo lontani dall’avere parrucchieri professionisti che siano in grado di leggere i tratti della cliente, la forma della testa e valutare il corpo e il suo stile di vita. Un’immagine per essere perfetta dev’essere armonica: taglio, colore e forma devono insieme creare quella magia chiamata bellezza!

- Pubblicità -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Barex Italiana lancia Joc Care: 100% Vegan

Una linea consapevole che si fa stile di vita. Joc Care di Barex Italiana unisce la bellezza al consumo autentico e socialmente...

Newsletter Estetica.it

Ricevi le migliori notizie prima degli altri, compila e iscriviti gratis!

Cerca su Estetica.it

257,831FansMi piace
239,694FollowerSegui
5,452FollowerSegui
2,811FollowerSegui

Ultime novità

Articolo precedenteNomad Accent
Articolo successivoAuthentic